Hugh Jackman

Hugh Jackman già in passato ha dovuto affrontare dei problemi di salute. L’attore e interprete di Wolverine nella saga degli X-Men ebbe infatti un cancro alla pelle, una di quelle malattie che rischia sempre di ripresentarsi periodicamente e in forma più aggressiva dell’ultima volta in cui si è palesata. 

La star australiana, nel frattempo, ha provveduto a tenere sotto controllo la propria salute sottoponendosi a degli esami costanti e, nelle scorse ore, ha voluto aggiornare i suoi fan dopo l’ultima biopsia. 

«Vi aggiorno sulla mia biopsia: è risultata inconcludente. Vuol dire che non sono riusciti a capirne abbastanza – scrive Jackman sul suo profilo Instagram – Detto questo, l’ipotesi peggiore è un carcinoma basocellulare. Quindi alla fine delle riprese tornerò a controllo. So di essere ripetitivo e che probabilmente continuerò ad esserlo… Ma vi prego, controllatevi sempre e utilizzate la crema solare. Grazie a tutti per il supporto, vedo tutti i vostri commenti e le vostre storie», ha scritto Jackman su Instagram, rivolgendosi ai fan con un video.

QUI IL POST DELL’ATTORE.

Il 52enne lotta contro la malattia dal 2013. Da allora si è sottoposto a cinque interventi per rimuovere il carcinoma dal viso. Quello basocellulare è il più comune tra i tumori della pelle come incidenza sulla popolazione globale. 

Di recente Jackman ha condiviso nel suo profilo Instagram alcune foto che hanno esaltato le speranze di chi vorrebbe vedere l’X-Men nell’Universo Marvel.I due mondi sono stati fino ad ora separati: il franchise degli X-Men (e persino la parola mutanti) è stata per 20 anni nelle mani della Fox e all’MCU non è rimasto che prendere alcuni personaggi in comune, come Wanda e Pietro Maximoff, e renderli dei semplici umani potenziati senza alcuna parentela con Magneto. Le cose, però, potrebbero cambiare dopo l’acquisizione di Fox da parte della Disney/Marvel.

Qui vi raccontavamo l’accaduto. 

Foto: Getty (Dia Dipasupil/WireImage)

Leggi anche: Wolverine: ecco perché Hugh Jackman ha rischiato seriamente di essere licenziato

© RIPRODUZIONE RISERVATA