Sarà pure un po’ troppo lento a terminare i suoi libri, George R. R. Martin, ma di certo sa come mantenere l’attenzione e la curiosità su di lui e sulle sue opere.
Lo scrittore, autore di Le cronache del ghiaccio e del fuoco, ha infatti mandato in subbuglio internet rispondendo, su LiveJournal, a un utente che chiedeva se Stannis Baratheon fosse vivo o morto. Il personaggio, infatti, compare nel decimo episodio della quinta stagione de Il Trono di Spade, e sembra che Brienne di Tarth lo uccida – ma avviene tutto fuori campo, perciò il dibattito è tuttora molto acceso. Ebbene, Martin ha risposto: «Nei miei libri? È vivo, senza alcun dubbio».

Questa è la conferma ulteriore che la serie della HBO adattata dalla sua saga letteraria si è distaccata significativamente dal testo originale: il regista dell’episodio incriminato, David Nutter (candidato agli Emmy), ha infatti ufficializzato al Comic-Con che, nello show, il candidato al trono interpretato da Stephen Dillane è davvero deceduto; semplicemente, non hanno voluto mostrare il colpo di grazia dato dalla guerriera (Gwendoline Christie, Captain Phasma in Star Wars: Il risveglio della Forza). «Fin dall’inizio, e attraverso il processo di scrittura, l’intenzione era quella – è morto».

Tuttavia, nei libri, non avviene nessuna battaglia come quella della puntata: a testimoniarla c’è soltanto una lettera, inviata dal folle (e spesso bugiardo) Ramsay Bolton, il quale avvisa Jon Snow della sconfitta di Stannis e della sua morte, che tuttavia Martin adesso confuta.

C’è da dire che, a questo punto, il personaggio potrebbe essere sopravvissuto anche nello show, contrariamente alle continue negazioni di autori e regista: in fondo, che colpo di scena sarebbe se ce lo rivelassero prima della sesta stagione?

Insomma: la rivelazione del romanziere non fa che alimentare le chiacchiere e le supposizioni. In attesa del 2016…

Leggi anche: Il Trono di Spade, i protagonisti nelle locandine di film celebri. La gallery

Fonte: EW

© RIPRODUZIONE RISERVATA