[Spoiler Alert!]

Nella nostra gallery, che rivela i 10 segreti di Interstellar, vi abbiamo svelato che il film, scritto con il supporto del fratello di Nolan, Jonathan, era stato destinato in origine a Steven Spielberg. Il regista di ET aveva infatti ingaggiato lo sceneggiatore per sviluppare uno script poco più di otto anni fa, dopo essere venuto a conoscenza delle controverse teorie sulla gravità fisica e astrofisica dei buchi neri dello scienziato Kip S. Thorne. Spielberg avrebbe voluto girare il film dopo Lincoln, ma nel frattempo Christopher Nolan aveva avanzato un forte interesse nei confronti del progetto, sviluppando un suo approfondimento personale.

Se nei credit del film viene infatti riconosciuto un tributo al fratello come co-sceneggiatore, è a tutti gli effetti del regista il merito di Interstellar. Che non si tratti di un plagio, come forse qualcuno potrebbe pensare, è facile stabilirlo confrontando i due lavori. La sceneggiatura originaria di quello che ormai può essere definito a buon diritto un film che non vedrà mai la luce (nel frattempo Jonathan Nolan, che sembra avere il pallino della fantascienza, è passato ad altri progetti), gira sulle scrivanie di Hollywood dal 2008: nulla è dunque segreto.

Vediamo allora quali fondamentali differenze di approcci e di vedute distinguono i due prodotti. Ecco una gallery che mostra cosa sarebbe accaduto se… dietro la macchina da presa ci fosse stato Steven Spielberg.

Fonte: Slash Film

© RIPRODUZIONE RISERVATA