Un nuovo scambio di note fra avvocati avvelena l’infinita battaglia legale fra Johnny Depp e l’ex moglie Amber Heard. Il 3 maggio inizierà il processo della causa per diffamazione da 50 milioni di dollari che Depp ha intentato contro Heard. Intanto, però, il giornale britannico Daily Mail ha fatto notare che l’attrice non ha ancora donato, come promesso, il suo risarcimento per il divorzio del 2016, del valore di 7 milioni di dollari, in beneficenza.

La storia, come accusano gli avvocati di Amber Heard, potrebbe essere stata suggerita al tabloid proprio per mirare ad aiutare l’attore dei Pirati dei Caraibi a ottenere il nuovo processo che ha richiesto contro The Sun per averlo definito un “picchiatore di mogli”. «Lo sforzo del signor Depp di piantare nei media storie che criticano Amber è l’ennesimo tentativo disperato di distogliere l’attenzione dalle conclusioni della Corte del Regno Unito relative alle sue accuse», ha dichiarato l’avvocato Elaine Bredehoft a Deadline.

Nelle affermazioni del Daily Mail, però, c’è del vero. Nel 2016, Johnny Depp ha consegnato 100mila dollari, dei 3,5 milioni promessi, alla Children Hospital Foundation di Los Angeles proprio in nome della ex moglie. Ma una lettera dell’organizzazione, nel 2019, ha chiesto all’attrice se pensa che la CHLA dovrebbe aspettarsi ulteriori rate da parte sua o se la promessa non sarà mantenuta. Lo scorso anno, però, la Heard ha dichiarato presso l’Alta Corte del Regno Unito, e in varie altre occasioni, di aver donato tutti i 7 milioni di dollari a CHLA e ACLU dopo alcuni intoppi iniziali nell’accordo con il suo ex marito.

Il suo avvocato ora però ha specifica che la situazione è leggermente diversa: «Amber è già stata responsabile di una donazione di milioni a cause di beneficenza e intende continuare a contribuire fino a mantenere la sua promessa. Tuttavia, Amber è stata ritardata in questo obiettivo perché il signor Depp ha intentato una causa contro di lei e, di conseguenza, è stata costretta a spendere milioni di dollari per difendersi dalle false accuse del signor Depp contro di lei».

Pur confermando implicitamente le accuse di Depp secondo cui le donazioni non sono state completamente effettuate, quindi, la spiegazione dell’avvocato di Heard rilancia in pratica con una contro accusa. Il consulente legale di lunga data di Depp, Adam Waldman, ha risposto online all’osservazione dei legali di Amber puntualizzando: «Quindi, è la stessa cosa che è stata detta in tribunale sotto giuramento? No, non è la stessa cosa». La scia di veleno tra le due star, insomma, non accenna ad esaurirsi.

Fonte: Deadline

Foto: David Livingston/Getty Images

© RIPRODUZIONE RISERVATA