Zack Snyder sul set

Sorpresa sorpresa: nonostante abbia lasciato a Joss Whedon il compito di terminare Justice League, Zack Snyder potrebbe ancora avere il totale controllo creativo sul bramato cinecomic. O almeno, questo stando al Director’s Guild of America (DGA), il sindacato dei registi americani.

Secondo gli statuti dell’ente, infatti, se un cineasta dirige il 100% delle riprese principali (ovvero esclusi gli eventuali reshoot) di un’opera, allora ha il diritto di partecipare attivamente a tutta la fase di post-produzione e di montaggio: nessuno a parte il regista – sostiene il DGA – ha il diritto di lavorare sul primo montaggio del film (la cosìddetta Director’s Cut), a meno che costui non scelga apertamente di rinunciare.

Come ormai sappiamo, Snyder ha sì completato il 100% del suo lavoro, e questo significa che volendo, avrebbe i poteri per consultarsi assiduamente con Whedon riguardo i reshoot, di dire la sua in post-produzione, e di presentare infine la sua versione dell’opera. In pratica, la sua posizione è praticamente rimasta invariata, come se non avesse mai ceduto le redini a Whedon.

Insomma, chissà se il nostro stia in qualche modo esercitando questi diritti, oppure se ha deciso di allontanarsi totalmente dal progetto per via dei suoi problemi familiari? Probabilmente, lo capiremo guardando il film stesso quando uscirà nelle sale a novembre!

Fonte: SR

© RIPRODUZIONE RISERVATA