Jim Carrey l’aveva detto: «Mi pento di avere recitato in Kick-Ass 2, è troppo violento». Affermazioni forti e inusuali per un attore in promozione, riferite a un film (a proposito: lunedì arriva la nostra recensione!) che effettivamente non risparmia sangue, botte e sceneda far girare la testa (dall’altra parte). Viene da chiedere cosa si aspettasse Carrey quando ha accettato il ruolo, considerando anche quanto violento era il primo capitolo. E questo stesso pensiero deve avere attraversato la mente di Chloë Moretz AKA Hit-Girl, già splendida co-protagonista nel film di Matthew Vaughn e, in questo sequel, ancora più centrale per la storia: l’attrice americana ha risposto alle obiezioni di Carrey con parole che non lasciano spazio a interpretazioni:

«È solo un film. Se bastasse vedere della violenza in un film per venirne influenzati, allora non bisognerebbe neanche guardare Pocahontas per non correre il rischio di credere di essere una principessa Disney. O Il silenzio degli innocenti: è un film che ti fa credere di essere un serial killer? No, è solo un film, è finto, è una cosa che so da quando sono bambina… anzi, se proprio bisogna dire qualcosa sulla violenza nei film è che ti insegna quali sono le cose da NON fare».

Chissà se Carrey risponderà a sua volta…

Fonte: Comicbookmovie

© RIPRODUZIONE RISERVATA