Come avevamo annunciato, si aprirà domani con la proiezione in Piazza Grande di Super 8, il film sci-fi diretto da J.J. Abrams e prodotto da Steven Spielberg, la 64esima edizione del Festival del Film di Locarno. Alla guida della manifestazione ticinese dal 2009, il direttore artistico Olivier Père, che con il programma di quest’anno promette di soddisfare l’eclettico pubblico del festival con grandi anteprime di blockbuster estivi, film d’autore di grandi nomi e di registi emergenti. Nutrita la corazzata delle produzioni americane dal citato Super 8 al western fantascientifico Cowboys & Aliens (già campione d’incassi nel box office U.S.A. al primo weekend), diretto dall’attore-regista Jon Favreau, dalla commedia sentimentale  Amici di letto: istruzioni per l’uso all’acclamato Drive del regista danese Nicolas Winding Refn, da Red State del filmmaker americano Kevin Smith (Clerks e Zack e Miri amore a… primo sesso) al cortometraggio Mourir auprès de toi co-diretto da Simon Cahn e Spike Jonze (Essere John Malkovich).

Tra i film del concorso ufficiale vi ricordiamo l’unico titolo italiano Sette opere di misericordia dei fratelli gemelli Massimiliano e Gianluca De Serio e l’opera prima premio – speciale al Sundance 2011 – Another Earth dell’esordiente Mike Cahill; fuori concorso la pellicola  Inconscio italiano un saggio storico firmato da Luca Guadagnino; mentre nella sezione Pardi di domani – corti d’autore La Règle de trois dell’attore e regista francese, Louis Garrel (membro della giuria – presieduta dal produttore Paulo Branco – che  il 13 assegnerà che assegnerà il Pardo d’oro).

Per il grande cinema d’autore verrà premiato, il 5 agosto con il Pardo d’onore alla carriera il newyorkese Abel Ferrara, regista di pellicole come Il cattivo tenente o ancora The Addiction. Nel corso del Festival verranno consegnati altri premi speciali come l’Excellence Award all’attrice francese Isabelle Huppert (Heaven’s Gate e La merlettaia), e allo statunitense Mike Medavoy produttore di opere come Apocalypse Now e delle più recenti Shutter Island e Il cigno nero. La retrospettiva di quest’anno sarà invece dedicata a un maestro del cinema degli anni Cinquanta come Vincente Minnelli e vedrà la partecipazione di Leslie Caron, interprete di Un americano a ParigiGigi (due fra i maggiori capolavori del regista italo-americano). Molti gli ospiti presenti alla kermesse: Kabir Bedi, Guy Bedos, Daniel Brühl, Claudia Cardinale, Daniel Craig, Gérard Depardieu, Harrison Ford, Bruno Ganz, Adoor Gopalakrishnan, Claude Goretta, Hitoshi Matsumoto, Kati Outinen, Pierre Richard, Anri Sala, Maribel Verdú, Olivia Wilde.

Leggi tutto su Locarno 2011

© RIPRODUZIONE RISERVATA