Si conferma un momento magico per Stephen King (nella foto). Dopo la conferma della produzione di un adattamento della Torre nera (saga di sette romanzi più un racconto del maestro dell’horror), Warner Bros. ha annunciato l’acquisizione dei diritti esclusivi per la distribuzione dell’adattamento cinematografico de L’ombra dello scorpione (The Stand il titolo originale), storico romanzo dell’autore americano. Dopo essere già stato adattato per il piccolo schermo in una miniserie del 1994 con Gary Sinise – alla quale, come è consuetudine nei suoi film, prese parte anche lo stesso King con diversi cameo – il libro dell’autore americano verrà ora utilizzato come “base di partenza” per la realizzazione di un film che sarà co-prodotto dalla stessa Warner Bros. e da CBS Films.

Non si hanno ancora notizie su autori e sceneggiatori, come nemmeno su cast, regista e tempi di realizzazione di quello che si preannuncia a tutti gli effetti come un progetto impegnativo: il romanzo, infatti, conta più di 1100 pagine, ma soprattutto una quantità spropositata di protagonisti e storie a questi collegate. Il libro tratta la storia di un potentissimo virus creato in laboratorio e scappato al controllo dell’esercito, che si espande nell’aria estiva di una piccola cittadina del Maine. Non c’è una cura per questo virus e sembra che l’umanità intera, che ne è stata colpita, sia sul punto di estinguersi. Ma un piccolo gruppo di persone risulta immune al virus. Il primo a dare segni di sopravvivenza è Stu, che sente il richiamo di un’anziana veggente, Abigail Freemantle, detta Mother Abigail. Durante il suo cammino verso la casa di quest’ultima, Stu incontrerà altri sopravvissuti che, come lui, hanno sentito il richiamo della veggente e vanno da lei per capire il significato del messaggio. Insieme, i sopravvissuti si uniranno per sconfiggere le forze del male guidate da Randall Flagg, un’incarnazione del Diavolo. (Foto KikaPress)

© RIPRODUZIONE RISERVATA