John Landis contro la Lucasfilm

Abbandonato il ruolo di presidente della Giuria Venice Virtual Reality della 74esima edizione della Mostra del cinemaJohn Landis sta promuovendo il suo ultimo lavoro Thriller 3D. Ed è proprio durante il tour promozionale che si è ritrovato a parlare della Lucasfilm e della bufera legata ai recenti licenziamenti, da ultimo quello di Colin Trevorrow dalla regia di Star Wars: Episodio IX (prontamente sostituito da J.J. Abrams).

Ecco quanto dichiarato da Landis a Collider: «Ci sono molte cose alle quali sto lavorando, ma non so ancora quali di questi diventeranno realtà o meno. Sapete, io e Joe Dante, e altri che conosco, ci troviamo tutti nella stessa posizione. Nessuno assume chi ha un’opinione. È come se pensassero ‘sa quello che sta facendo, non lo assumo’. Guardate cos’è successo a Star Wars. Continuano a licenziare gente. Phil Lord e Chris Miller, hanno davvero molto talento, sono originali e divertenti. Hanno girato il 75% del film… e devo dirlo, non è una buona pubblicità per la nuova Lucasfilm. Quanti registi hanno licenziato finora? Quattro. Quanti sceneggiatori? Dodici».

E conclude così, citando proprio il papà della Lucasfilm: «È tutto molto preoccupante. Ricordate quando George Lucas disse di aver venduto i suoi figli a degli schiavisti bianchi? Beh…».

Cosa ne pensate?

Leggi anche Star Wars IX: perché la Lucasfilm continua a perdere i suoi registi?

Fonte: Collider
Foto: Getty Images

© RIPRODUZIONE RISERVATA