«Ora alza le chiappe, smettila di piangere e ricostruisci tutto da capo». Sono queste le dure parole pronunciate al telefono da Lynn (Michelle Monaghan) in un supermercato degli Stati Uniti e indirizzate a suo marito Sam Childers (Gerard Butler), scoraggiato dalla difficile situazione in cui si trova, nella prima clip di Machine Gun Preacher. Sam, infatti, ha deciso di cambiare vita. Ha abbandonato una strada da criminale, si è fatto battezzare ed è andato da solo in Africa per rispondere a un’esigenza che ultimamente si era fatta sempre più stringente: rimediare al male fatto nella sua vita salvando i bambini del Sudan da un destino di soprusi e ingiustizie. In questa clip inedita del film, tratto da una storia vera, Sam sembra perdere le speranze quando il rifugio che ha costruito per i bambini del Sudan viene distrutto. Ma si sa che dietro a un grande uomo c’è sempre una grande donna. E’ la moglie di Sam, infatti, a spingerlo a continuare per la sua strada e a ricostruire tutto dalle fondamenta.

Chi nutre ancora qualche dubbio in un film drammatico con Gerard Butler forse dovrà ricredersi. Chi l’ha visto in Giustizia privata, nei panni di un padre di una famiglia assassinata e alla ricerca di vendetta, ha già avuto un assaggio della sua versatilità e in Machine Gun Preacher potrà averne conferma. E’ lui a svelarci quello che prova in un’intervista al Los Angeles Times: «Non ho parlato molto di questo film. L’ho fatto l’altro giorno e sono scoppiato a piangere. Ho pianto per quasi cinque minuti». E ad accompagnare le sue parole è lo sceneggiatore Jason Keller: «Durante le riprese ho visto Butler entrare nella parte sempre più a fondo».

Diretto dal regista di 007 – Quantum of Solace, Marc Forster, Machine Gun Preacher esordirà nelle sale statunitensi il 23 settembre 2011 (a New York City e Los Angeles) e in quelle inglesi il 6 gennaio 2012.

Guarda il primo trailer del film

Sotto, la prima clip di Machine Gun Preacher:

(Fonte: Yahoo! Movies)

© RIPRODUZIONE RISERVATA