L’estate è iniziata e il cinema italiano è in gran fermento. Sono tanti i set aperti di film che vedremo nel 2011 (uno tra tanti Boris, nato dalla fortunata serie televisiva) e sono tanti i film pronti che vedremo nell’ultimo semestre 2010.  Settembre è un mese “caldo” e pieno di pellicole tricolore: il festival di Venezia (1 – 11 settembre) è l’apriporta per film che devono uscire in sala in autunno. Forse non è un caso che Medusa proponga il 10 settembre La solitudine dei numeri primi, il film che Saverio Costanzo ha tratto dall’omonimo libro di Paolo Giordano, titolo papabile per il Concorso.

Rumours festivalieri danno come titolo papabile per Venezia lo storico Noi credevamo (nella foto Toni Servillo) di Mario Martone, una rilettura del nostro Risorgimento con un cast d’eccezione (Toni Servillo, Luigi Locascio, Anna Bonaiuto, Valerio Binasco). Se così fosse avremo un film d’autore nelle sale per settembre. Toni Servillo è anche protagonista di Gorbaciof il film di Stefano Incerti (17 settembre) girato interamente a Napoli: il titolo prende il nome dal protagonista chiamato Gorbaciof per una voglia rossa che ha sulla fronte ed è ambientato a Vasto, nella Chinatown napoletana.

La commedia “operaia” Hai paura del buio, esordio di Massimo Coppola (24 settembre) insieme a Venti sigarette a Nassirya di Aureliano Amedei chiuderà settembre.
Benvenuti al Sud
, l’atteso remake italiano di Giù al Nord, aprirà invece il mese di ottobre: una commedia che promette risate con Claudio Bisio, un impiegato del Nord costretto ad andare al Sud. Il 29 ottobre per le fan giovanissime arriva Winx Club in 3D mentre il pubblico di Fausto Brizzi potrà vedere Maschi contro femmine, di cui il regista, in esclusiva per i lettori di Best Movie, ha scritto il diario dal set.

Per il nostro cinema il freddo invernale si affronta con commedie: Febbre da fieno, la versione italiana di Alta fedeltà che segna l’esordio alla regia di Laura Luchetti, si confronterà con Ti presento un amico, il nuovo film dei fratelli Vanzina, con Raoul Bova come protagonista nei panni di un rappresentante di cosmetici in cerca di una donna, dopo un amore fallito.

Il 26 novembre Massimo Boldi propone A Natale mi sposo; Luca Lucini (Oggi sposi), invece, La donna della mia vita: cosa succederà a due fratelli (Luca Argentero e Alessandro Gassman) innamorati della stessa donna? La banda dei Babbi Natale è il ritorno al film senza episodi del trio Aldo, Giovanni e Giacomo, che si contenderà il pubblico con Cristian De Sica, che cavalcando l’onda dei mondiali, sarà il protagonista del cinepanettone Natale in Sudafrica (con il tentativo  di riconquistare quella parte – minima – del pubblico persa nel 2009).

Tra le commedie natalizie emerge però La bellezza del somaro, film che segna il ritorno alla regia di Sergio Castellitto che racconta un mondo dove i bambini vogliono essere adulti, e i grandi, invece, bambini.

Il 2011 inizia con due comici amatissimi: il 5 gennaio uscirà Ma che bella giornata, la nuova storia interpretata da Checco Zalone, mentre il 28 arriva Qualunquemente, il film con Antonio Albanese nei panni del suo personaggio storico, Cetto La Qualunque, diventato un cult nel programma Mai dire domenica della Gialappa’s Band. A dirigerlo Giulio Manfredonia. E infine il secondo capitolo della “commedia doppia” di Fausto Brizzi, Femmine contro Maschi (11 febbraio 2011).

I titoli in lavorazione sono molti ancora e il dato conferma che il nostro cinema, nelle sue diverse sfacettatture (cinema d’autore, film di genere e commedia sofisticata e non) è vivo più che mai. Vi terremo aggiornati…

(Foto Noi credevamo – 01 Distribution)

© RIPRODUZIONE RISERVATA