Giusto ieri avevamo presentato il lungo trailer (ben sette minuti) dell’ipotetico nuovo film di Mortal Kombat, la popolare serie di videogame che ha già visto due riduzioni cinematografiche targate Treshold Entertainment, e che al momento è oggetto di disputa legale per lo sfruttamento dei diritti cinematografici proprio tra Treshold Entertainment e Warner Bros. che ha acquisito Midway e le sue proprietà intellettuali. Pur non essendo stata fatta alcuna chiarezza sulla complessa situazione legale e nemmeno luce sulla natura del trailer (è relativo al nuovo capitolo videoludico o a quello cinematografico?) giungono ora alcuni dettagli interessanti.
Il regista del trailer è Kevin Tancharoen (dietro alla telecamera di Fame e alla regia di diversi show televisivi per conto di MTV) che ha impiegato due giorni di lavoro, due telecamere RED (il punto di riferimento principale per chi intende girare in digitale) e solo 7.500 dollari per realizzare il progetto, dato che l’intera troupe avrebbe lavorato gratis.
«È una di quelle passioni che mi sono sempre girate in testa» ha dichiarato Tancharoen a Slashfilm. «La tecnologia è così facilmente accessibile, ora, che non esiste un motivo per cui non avrei dovuto realizzarlo. Il mio cuore è sempre stato immerso nella cultura dei fanboy e questa è la maniera in cui girerei un nuovo Mortal Kombat. Sarei felicissimo se Warner Bros. lo volesse produrre in questo modo e il corto è stato girato come prologo al film.»
Il coinvolgimento nel progetto estemporaneo dello sceneggiatore Oren Uziel (che imdb accredita attualmente al lavoro sul nuovo Mortal Kombat) è stato comunque confermato, dato che Uziel stesso ha scritto i sette minuti del corto mentre Larnell Stovall (Undisputed III, Lanterna Verde) si è occupato delle coreografie dei combattimenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA