No Time to Die

No Time To Die, stando alle ultime rivelazioni e aggiornamenti, uscirà in Australia un po’ in ritardo. Non più il 30 settembre 2021, come originariamente previsto, ma l’11 novembre

Lo riporta The Wrap, ma attenzione: lo slittamento riguarda, nello specifico, la situazione difficile che il paese australiano sta vivendo sul fronte della pandemia di COVID-19, visto che i contagi sono risaliti e le restrizioni poste più di recente verranno allentate solo nel momento in cui il 70% della popolazione adulta sarà vaccinato, data la recrudescenza di casi dovuta alla circolazione della variante Delta del Coronavirus. 

Per il raggiungimento di questa soglia, in termini di proiezioni, si parla di fine ottobre, per cui la data d’uscita australiana è stata posticipata ma senza alcuna incidenza sulla release internazionale. Rimane invariata, infatti, la data d’uscita fissata negli Stati Uniti e nel Regno Unito, paesi nei quali l’uscita del nuovo Bond movie con Daniel Craig è ancora il 30 settembre 2021 proprio come in Italia, ragion per cui al momento, pandemia permettendo, sono esclusi ulteriori rinvii anche sul fronte dell’approdo del lungometraggio nelle nostre sale cinematografiche. 

I produttori di James Bond, nel frattempo, hanno voluto chiarire che non realizzeranno mai una serie tv spin-off su 007 destinata ad Amazon Prime Video, sebbene all’inizio di quest’anno MGM sia stata acquistata proprio dal colosso di streaming per la cifra mostre di 8,45 miliardi di dollari (in virtù dell’accordo, approderanno su Amazon titoli come The Handmaid’s Tale, Rocky e Robocop: ve ne parlavamo qui). 

In un’intervista a Total Film, i produttori storici di James Bond, Michael G. Wilson e Barbara Broccoli, che detengono ancora l’ultima parola in merito a qualsiasi decisione sul personaggio e sulla gestione delle proprietà creative e cinematografiche bondiane, hanno dichiarato, eloquentemente e senza mezzi termini: «Facciamo film. Facciamo film per il cinema. Questo è quello che facciamo» (parole riconducibili a Broccoli). Wilson le ha fatto eco aggiungendo che «hanno resistito alle richieste di una serie televisiva di Bond per oltre 60 anni».

La sinossi ufficiale di No Time to Die recita: In No Time To Die, Bond si gode una vita tranquilla in Giamaica dopo essersi ritirato dal servizio attivo. Il suo quieto vivere viene però bruscamente interrotto quando Felix Leiter, un vecchio amico ed agente della CIA, ricompare chiedendogli aiuto. La missione per liberare uno scienziato dai suoi sequestratori si rivela essere più insidiosa del previsto, portando Bond sulle tracce di un misterioso villain armato di una nuova e pericolosa tecnologia.

Scritto da Neal Purvis, Robert Wade, Scott Z. Burns e Phoebe Waller-Bridge, oltre che dal regista Cary Fukunaga, il film schiera nel cast i ritorni di Daniel Craig, Lea Seydoux, Naomie Harris, Ben Whishaw, Rory Kinnear e Ralph Fiennes. Tra le new entry si segnalano invece Lashana Lynch, David Dencik, Ana De Armas, Billy Magnussen, Dali Benssalah e Rami Malek.

Foto: Universal Pictures

Fonte: The Wrap, Total Film 

Leggi anche: No Time to Die, i continui rinvii avrebbero reso i gadget datati: il film è a rischio reshoot?

© RIPRODUZIONE RISERVATA