Conferenza speciale delle associazioni cinematografiche per fare chiarezza sulle conseguenze dell’uso degli occhiali 3D. Dopo la denuncia del Codacons e dopo alcuni sequestri cautelativi, le associazioni di categoria Anica, Anec e Anem hanno invitato oggi, presso la sede dell’Agis, medici ed esperti per rispondere alle domande di giornalisti e imprenditori. «La correzione ottica perfetta per assistere a proiezioni in 3D è l’unica condizione della corretta fruizione» ha dichiarato Corrado Balacco Gabrieli, ordinario di oftalmologia e direttore del Dipartimento di Oftalmologia dell’Università di Roma “La Sapienza”. «Non ci sono controindicazioni per gli spettatori e i rarissimi casi di disturbi (non stati segnalati che al di sotto dei 10 anni) sono dovuti a momenti di affaticamento visivo e a problemi di natura refrattiva non adeguatamente corretti e curati. «Per utilizzare gli occhiali 3D più volte – ha specificato Elena Pacella, responsabile del Pronto Soccorso Oculistico del Policlinico Umberto I°, Università di Roma La Sapienza – non è necessario un processo di sterilizzazione – necessaria per gli interventi chirurgici – ma solo un processo normale di disinfezione. Si possono utilizzare sia gli occhiali monouso che quelli non monouso perché non esiste il rischio di contrarre congiuntiviti a meno che l’occhiale non sia disinfettato regolarmente. Ma questo rischio ci sarebbe comunque in qualsiasi posto frequentato da persone, anche solo con una stretta di mano».

Scopri cosa pensano degli occhialini 3D i lettori di Best Movie

© RIPRODUZIONE RISERVATA