Toccherà al figlio d’arte Josh Brolin il ruolo di protagonista nel remake di Oldboy, thriller intriso di ultra-violenza girato nel 2003 in un’ambientazione sudcoreana dal regista splatter Park Chan-Wook. L’attore californiano ha battuto colleghi di grande prestigio e richiamo al botteghino come Christian Bale e Will Smith (suo partner nel terzo film della serie Men In Black). Brolin, portato al successo sin da giovanissimo con la pellicola d’avventura per ragazzi I Goonies, e più recentemente con l’interpretazione in Milk di Gus Van Sant e dell’ex presidente George Bush figlio in W. di Oliver Stone, si dovrà confrontare non solo con il bravissimo interprete originale sudcoreano – l’attore Min-sik Choi -, ma anche con il difficile ruolo drammatico di uomo devastato dalla sete di vendetta. Infatti, la trama di Oldboy, uno dei capitoli più sanguinolenti (con il più celebre Lady Vendetta nel 2005 e Mr.Vendetta nel 2002) della saga della vendetta firmata da Park Chan-Wook, si concentra proprio attorno alla figura tragica di uomo comune che viene inspiegabilmente rapito e sequestrato per anni e anni. Alla ritrovata libertà, dopo aver perso la sua famiglia e soprattutto l’affetto della figlia, il protagonista reagisce con un’insaziabile e violentissima sete di rappresaglia. Ma il calvario del tormentato personaggio non finisce con la fittizia liberazione fisica e prosegue nella frustrante scoperta di non avere (e di non aver avuto per i 15 anni di prigionia) più il controllo psichico sulle proprie azioni, vivendo come se fosse guidato da un aguzzino esterno, in una sorta di gabbia mentale privo della propria coscienza.

Questa versione americana di Oldboy sarà diretta dal newyorkese Spike Lee, il cui ultimo film Miracolo a Sant’Anna (un’infelice co-produzione europea) risale al 2008. 

(Fonte: Empire)

© RIPRODUZIONE RISERVATA