Probabilmente dovremo aspettare ancora molto tempo prima di conoscere la protagonista e il regista scelti dalla Marvel per sviluppare il progetto dedicato a Captain Marvel, ma nell’attesa nuovi nomi si aggiungono alla già lunga lista di possibili Carol Danvers.

Qualche mese fa abbiamo provato a fare un lista delle attrici più papabili e lei non c’era. Stiamo parlando della bellissima Olivia Wilde, che dopo la cancellazione di Tron 3, si è proposta alla Casa delle Idee insieme a Reed Morano, regista del suo prossimo film nelle sale, Meadowland. Il tutto ha avuto inizio la scorsa settimana su Twitter quando un fan ha chiesto a Marano se sarebbe stato interessato a dirigere il progetto della Marvel se la Wilde fosse stata scelta come protagonista e lei ha risposto: «Certo che sì!». In calce trovate i tweet di botta e risposta tra la regista e l’attrice.

Durante una recente intervista con Cinema Blend, a cui hanno partecipato entrambe, le due sono tornate sull’argomento e hanno espresso anche qualche opinione su come la Marvel dovrebbe sviluppare sul grande schermo le sue supereroine!

«Sono una grande fan dei film sui supereroi – ammette la Wilde – e ho molto rispetto per l’Universo Cinematografico Marvel. Il problema con le supereroine è che per essere forti devono essere anche perfette. L’idea legata al potere manca di certe sfumature il più delle volte. C’è da dire che per creare una supereroina, una regista donna dovrebbe inserire un po’ più di complessità».

Nonostante sia a conoscenza degli sforzi che gli studios hanno messo per creare personaggi come Vedova Nera o Gamora, l’attrice continua spiegando quali cambiamenti, a suo parere, andrebbero, fatti: «Marvel è stata molto intelligente ha scegliere delle persone inaspettate per quei ruoli. Se pensate cosa ha fatto Robert Downey Jr. per Iron Man. Bilanciare la complessità del suo personaggio con l’umorismo. Penso che sia quella la via che deve percorrere la Marvel, anche per le supereroine: complessità e difetti. Ma penso anche che quando arrivano sul grande schermo, anche loro possono avere il loro momento in cui sembrano delle dee perfette e mi piacerebbe davvero poter creare un personaggio femminile per la Marvel, inaspettato proprio come lo è stato Iron Man. Penso sarebbe fantastico!».

Per quanto riguarda Reed Morano, la regista ha dichiarato di non aver ancora ricevuto nessuna telefonata dagli studios dopo il dibattito su Twitter, ma ha affermato di essere aperta a ogni possibilità, anche quella di dirigere il debutto cinematografico di Carol Danvers: «I personaggi più interessanti sono quelli che hanno problemi, sono gli individui imperfetti. Sarebbe bello poter dare una vera storia a questo personaggio, un background reale, tangibile».

Captain Marvel è in programma per l’8 marzo 2019, quindi di tempo per scegliere la sua protagonista la Marvel ne ha ancora, ma voi cosa ne pensate di Olivia Wilde nei panni dell’eroina?

Qui sotto i tweet tra la regista e l’attrice (per leggere l’intera conversazione è sufficiente cliccare sopra il messaggio):

Leggi anche: «Captain Marvel non sarà Superman con le tette» Parola di Nicole Perlman

Fonte: CBM

© RIPRODUZIONE RISERVATA