Dopo le parole di Steven Spielberg sul destino dei cinecomic, anche la bravissima Emma Thompson è intervenuta in merito alla saturazione del mercato cinematografico odierno, letteralmente invaso da supereroi o personaggi tratti da famosi e amati fumetti di qualsivoglia casa editrice, ponendo un pesante accento sul franchise di Spider-Man.

La Thompson non pare condividere pienamente l’idea del tramonto dei cinocomic così come illustrata da Spielberg, ma sembra tuttavia non sopportare più la formula offerta da questo genere di cinema, in particolar modo in riferimento all’Arrampica Muri, rivelando a Vulture: «Ho molto amato l’originale film di Superman con protagonista Christopher Reeve, perché non si prendeva sul serio, ma dopo po’ si potrebbe divenire cinici al riguardo. Il fatto che io sappia che alla fine vincono, interferisce non poco con la mia voglia di andare a vederli. Se vedo un altro Spider-Man, ho seriamente intenzione di impiccarmi. Non ce la faccio più! Sono tutti meravigliosi, ma quante volte avete intenzione di riproporre lo stesso franchise?».

Forse, ora che Spidey è sotto il controllo della Marvel e atteso in Captain America: Civil War, anche Emma Thompson potrebbe ricredersi…o rafforzare la sua idea, chissà.

Fonte: CBM

© RIPRODUZIONE RISERVATA