È stato uno dei casi di quest’estate, ancora più clamoroso poiché completamente inaspettato: Sharknado, film prodotto da Asylum in collaborazione con il canale tv Syfy, è riuscito, grazie a una premessa assurda ai limiti del ridicolo e a un’efficace campagna di marketing, a conquistarsi quel posto al sole che nessuna delle precedenti opere della casa americana (da Abraham Lincoln vs. Zombies a Two-Headed Shark Attack) era riuscita a ottenere. Sharknado ha attirato talmente tanta attenzione da convincere la Asylum a produrre un sequel, il cui titolo, in omaggio ai fan che tanto hanno sostenuto il primo film, sarebbe stato scelto tra tutti i suggerimenti arrivati sull’account Twitter di SyFy.

Ebbene: 5.000 suggerimenti più tardi (uno dei quali proposto da chi vi scrive, al Comic-Con di San Diego), il responso è arrivato. Il sequel di Sharknado si intitolerà – tenetevi forte – Sharknado 2 – The Second One. Stupido? Banale? Incredibilmente piatto? Secondo noi assolutamente geniale: in mezzo ai vari Sharkcano (squali che escono da un vulcano) e Cagenado (squali con la faccia di Nicolas Cage), The Second One  è perfetto nella sua semplicità un po’ tonta; come a dire, «è il sequel di un film su un tornado di squali, serve davvero un titolo shockante?». Aspettiamo fiduciosi luglio 2014, data d’uscita americana del film.

Fonte: Slashfilm

© RIPRODUZIONE RISERVATA