Qualche giorno fa la produttrice Amy Pascal ha dichiarato che i film dedicati a Venom e altri comprimari del mondo di Spider-Man faranno parte della continuity dell’Universo Cinematografico Marvel. La pensa un po’ diversamente il suo collega Kevin Feige, che in un’intervista concessa a JoBlo si è espresso sul futuro di Spider-Man al cinema. Nella fattispecie, al momento la Marvel si starebbe concentrando su cinque film per quanto riguarda l’evoluzione del personaggio: Captain America: Civil War e Spider-Man: Homecoming, già completati; Avengers: Infinity War e Avengers 4, attualmente in produzione; e il sequel di Homecoming, previsto per il 2019. Il contratto di Tom Holland prevede anche un terzo film sulle gesta in solitario di Spider-Man, ma per ora non ci sono informazioni concrete al riguardo, poiché l’accordo tra Sony e Marvel dovrà essere rinegoziato tra un paio d’anni.

Non è quindi previsto, secondo Feige, che personaggi come Venom siano inclusi nell’universo condiviso. Egli ritiene però che la Sony faccia molto bene a voler dare al celebre villain lo spazio cinematografico che si merita, e ha aggiunto che la scelta di Tom Hardy per il ruolo è il primo passo nella direzione giusta. Per quanto riguarda i rapporti con gli altri studios, il produttore ha anche confermato che al momento non sono in corso trattative di alcun genere con la 20th Century Fox, che detiene i diritti cinematografici degli X-Men e dei Fantastici Quattro, per una simbiosi creativa come quella instaurata con la Sony. L’eccezione parziale riguarda Guardiani della Galassia Vol. 2: per poter usare Ego, che apparteneva alla Fox, la Marvel dovette dare  a Tim Miller il permesso di cambiare i poteri di uno dei personaggi di Deadpool. “L’unico motivo per cui non dico ‘no, mai’ è a causa delle cose incredibili accadute negli ultimi 17 anni“, precisa Feige, “Ma per il momento non credo che succederà.

Fonte: JoBlo

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA