Spider-Man marvel

Cinecomic e fumetti Marvel non sempre vanno di pari passo. Anzi, molto spesso capita che, per regalare ai fan plot twist inaspettati e rivelazioni sconcertanti, nei film vengano prese strade diametralmente opposte rispetto a quelle già percorse sulla carta. Ma non è sempre così.

Nel corso degli oltre 10 anni di MCU sono stati infatti diversi gli eventi fedelmente adattati dal materiale originale; dettaglio che rende dunque impossibile per il pubblico prevedere quali elementi dei fumetti arriveranno o meno sul grande schermo.

E come si sa, dove inizia l’incertezza, nascono teorie e speculazioni.

L’ultima riguarda Spider-Man: No Way Home. E nello specifico il personaggio di Ned Leeds, migliore amico e compagno di scuola di Peter Parker a cui presta il volto Jacob Batalon ormai dal primo capitolo del franchise, il fortunato Homecoming.

Per chi non conoscesse la sua storia originale, nei fumetti Marvel il personaggio è un giornalista del Daily Bugle che, nel corso di un’investigazione per conto della rivista, si imbatte nel villain Hobgoblin. Quest’ultimo gli fa un lavaggio del cervello, spingendolo a credere di essere lui stesso Hobgoblin. Ned diventa così paranoico e violento, rovina il suo matrimonio e inizia a dedicarsi ad attività criminali per conto del vero cattivo, che lo sfrutta per portare a termine i suoi piani.

E se non fosse già uno scenario sufficientemente drammatico, sappiate che il destino del personaggio diventa ancora peggiore nel corso della vicenda. Ritenuto superfluo, Ned viene infine abbandonato da Hobgoblin, che rivela a tutti la sua “vera identità” portandolo ad essere assassinato da alcuni sicari durante un servizio giornalistico a Berlino, dove si era recato proprio con Peter. Un epilogo veramente sconcertante.

Ebbene, secondo diverse teorie riprese dal sito ScreenRant, la trasformazione di Ned nel MCU avrà inizio proprio con Spider-Man: No Way Home. Tra le ragioni che alimenterebbero questi sospetti, due in particolare sembrerebbero essere piuttosto plausibili: innanzitutto, la presenza del Multiverso potrebbe facilitare l’introduzione di questa versione alternativa del personaggio, considerando che quella attualmente presente nel MCU risulta fin troppo fedele a Peter per poter essere trasformata in villain. Anche se non si tratta di un’ipotesi del tutto impossibile.  

La seconda ragione è invece legata allo stesso attore Jacob Batalon, che sarebbe stato avvistato con una forma fisica decisamente diversa da quella che conosciamo. L’interprete avrebbe infatti perso svariati chili nel corso di questi mesi e, sebbene possa trattarsi di un semplice dettaglio legato alla sua vita privata, diversi fan sospettano che abbia a che vedere con il suo nuovo film. Ed è inutile dire che, anche nei fumetti, dopo il lavaggio del cervello da parte di Hobgoblin, Ned Leeds inizia ad allenarsi intensamente divenendo un esperto di combattimento corpo a corpo. Ha senso, quindi, supporre che la sua nuova forma fisica possa anticipare un simile cambiamento anche nel MCU.

Ovviamente, al momento si tratta solo di ipotesi. Ma non neghiamo che faccia piuttosto paura l’idea che almeno una versione di Ned possa essere destinata a diventare cattiva. Voi che ne pensate?

Spider-Man: No Way Home, ricordiamo, sarà diretto da Jon Watts e vedrà tornare nel cast molti degli interpreti visti nei precedenti film della saga. Insieme al sopracitato Jacob Batalon vedremo infatti il protagonista Tom Holland nei panni di Peter Parker, Zendaya in quelli di MJ e Marisa Tomei nel ruolo della Zia May. A loro si uniranno anche Benedict Cumberbatch come Doctor Strange e la coppia formata da Jamie Foxx e Alfred Molina, che torneranno a vestire i panni dei villain Electro e Doctor Octopus, interpretati rispettivamente in The Amazing Spider-Man 2 con Andrew Garfield e in Spider-Man 2 con Tobey Maguire. 

Foto: Sony/Marvel

© RIPRODUZIONE RISERVATA