Una è diventata, nel giro di due stagioni, una delle grandi sicurezze del panorama televisivo, capace di incollare allo schermo milioni di spettatori (nonché di suscitare moti di fastidio per qualcuno dei suoi personaggi). L’altra è una delle novità dell’anno targate Showtime, con un Michael Sheen in formissima e una splendida Lizzy Caplan nei ruoli di due “dottori del sesso” – o pionieri degli studi sulla sessualità, se preferite. Entrambe, oltre a condividere il canale di messa in onda, hanno da oggi qualcosa di più in comune: il rinnovo per una nuova stagione.

Stiamo parlando, nel caso non fosse chiaro, di Homeland e Masters of Sex, giunta alla terza stagione la prima, appena arrivata in tv la seconda, entrambe amatissime e premiate da numeri più che lusinghieri (6,5 milioni di spettatori di media per Homeland, 5,4 per Masters of Sex). Nonostante qualche critica piovuta sui nuovi episodi del serial con Claire Danes e Mandy Patinkin, Homeland continua a macinare pubblico, mentre Masters of Sex, sulla carta una serie più “difficile” da vendere al grande pubblico, si regge su alcuni dettagli-chiave che ne hanno finora garantito il successo: il contrasto tra l’insopportabile personaggio di Sheen e quello adorabile di Lizzy Caplan, oltre naturalmente alla parola magica contenuta nel titolo…

Fonte: Collider

© RIPRODUZIONE RISERVATA