Sembrerebbe proprio che il cast dell’attesissimo Suicide Squad si sia veramente divertito alla grande durante la lavorazione del film. Merito anche di Will Smith, che, pensate un po’, aveva pure fatto allestire una stanza del divertimento per i suoi compagni, con dentro delle tavole da ping-pong, una consolle da dj, un angolo dove giocare a basket, e chissà quante altre cose spassose.

A rivelarlo è Akinnuoye-Agbaje, che nella pellicola veste i panni di Killer Croc: «Era un vero Disneyland. Se stai per fare questi tipi di film, lui è l’uomo con cui vorresti farli. Quello era il modo di farlo». E una sera, a salire in consolle per un euforico party è stato lo stesso Principe di Bel-Air: «C’era un dj set, e Will ha iniziato a rappare. Era colui che radunava le truppe. È un professionista completo, e in questo senso lui per me è un mentore, perché ti mostra come dovrebbero essere fatte le cose».

Questa camera dei giochi, ovviamente, ha contribuito a unire ulteriormente la squadra suicida. Prosegue l’attore: «Festeggiavamo insieme, mangiavamo insieme, ci allenavamo insieme. Ciò che vedrete nel film sono delle relazioni molto organiche». L’unico che non partecipava mai a questi happening? Ovviamente, il Joker di Jared Leto, che, come già sappiamo, ha invece scelto l’isolamento.

Insomma, eccitati per il cinecomic di David Ayer? Appuntamento al 17 agosto 2016 per la sua uscita nelle sale italiane!

Fonte: THR

© RIPRODUZIONE RISERVATA