Un giornalista, Ward James (Matthew McConaughey), torna nella sua città Natale, in Florida, per indagare cosa ci sia dietro la condanna a morte di una sua vecchia conoscenza (interpretata da un quasi irriconoscibile John Cusack). Questa la trama, in poche parole, di The Paperboy, thriller diretto da Lee Daniels (Precious) e tratto da un romanzo di Pete Dexte, un autore pubblicato in Italia da Einaudi di cui, se vi piacciono i noir, dovreste provare a leggere qualche titolo (noi, ad esempio, vi consigliamo Train, ma lo stesso The Paperboy è stato edito con il titolo Un affare di famiglia).

Dal primo poster, che vi presentiamo qui sotto, la cosa più evidente è che Zac Efron (High School Musical, Hairspray), per affrontare il suo ruolo, deve aver fatto un bel po’ di palestra (almeno a giudicare dal bicipite). Mentre Nicole Kidman è in versione iper-ossigenata. Di seguito vi riportiamo anche la trama del libro di Pete Dexter con la quale, quella del film (previsto per il 2012, ma senza una data di uscita, almeno per ora), in linea di massima coinciderà. Zack sarà Jack James, e la Kidman Charlotte Bess. Occhio che è un po’ “spoilerosa”…

Hillary Van Wetter aspetta di essere giustiziato nel carcere della Moat County, Florida. È accusato dell’omicidio di Thurmond Call, uno sceriffo che ha ucciso per odio razziale ben sedici neri. Ma Charlotte Bless, appassionata di casi estremi, ha scritto una lettera al “Miami Times” sostenendo che si stava per condannare a morte un innocente, e il giornale, fiutando la pista, manda i suoi due migliori reporter nella Moat County. Sono Ward James, malinconico quanto ossessivo nella sua ricerca della verità, e il brillante e spregiudicato Yardley Acheman. Con l’aiuto di Charlotte i due conducono un’inchiesta che porta alla liberazione del detenuto e gli vale il premio Pulitzer. Ma un giornale rivale sente puzza di imbroglio. Da cronaca giudiziaria il romanzo vira verso il dramma, e ciascuno dei protagonisti si troverà a specchiarsi negli incubi della propria coscienza. Tutto sotto gli occhi di Jack James, il ragazzo che i quotidiani, più che scriverli, li consegna tutte le mattine all’alba; che fa da autista alle due star del giornalismo e ne vive e racconta le imprese, con lo sguardo stupito e distaccato di un uomo-bambino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA