thor the dark world

Non è tutto oro quel che luccica in casa Marvel. Tra le decine e decine di grandi star che sono passate seppur brevemente nell’MCU, qualcuno non è rimasto soddisfatto dell’esperienza. A parlare questa volta è stato Zachary Levi, che prima di diventare un volto di punta dell’universo DC con Shazam ha ricoperto un ruolo minore nei film di Thor.

Levi, infatti, ha interpretato Fandral in Thor: The Dark World e Thor: Ragnarok. La parte, che nel primo film era di Joshua Dallas, era stata offerta originariamente proprio a Levi ma l’attore ha dovuto rifiutare a causa di impegni concomitanti con la serie Chuck. Poi, la possibilità di entrare nell’MCU, che tuttavia non è stata proprio l’esperienza che si aspettava.  

Durante il Dragon Con 2021 di Atlanta, in Georgia, Zachary Levi ha rivelato infatti di essere rimasto abbastanza deluso dalla Marvel, che gli aveva fatto “promesse” ben diverse. L’attore lo ha definito «un sogno diventato realtà» ma allo stesso tempo non ha nascosto alcuni punti critici: «Sono cresciuto divorando fumetti Marvel. Ero un grande fan da bambino, quindi ero molto felice. Ero molto grato per la parte. È successo… E poi non è più successo».

In particolare, Zachary Levi ritiene che il suo personaggio e quelli di Ray Stevenson e Tadanobu Asano non siano stati sfruttati bene:

«Ad essere onesti, avevo visto il primo film e non pensavo che i Tre Guerrieri fossero stati usati bene, quindi ho detto ‘Ehi, sfrutterete davvero questi personaggi?’… E loro hanno detto: ‘Oh certo, useremo i Tre Guerrieri in Thor: The Dark World, tantissimo. Vedrai sarai occupatissimo’. A quel punto ho detto: ‘Ok’ e ho firmato il contratto»

Se ricordate il film – considerato da molti il peggiore di tutto l’MCU – ricorderete che la promessa della Marvel non è stata affatto rispettata e che quella di Levi e gli altri è al limite di una comparsata. Addirittura, hanno avuto meno minutaggio rispetto a Thor del 2011.

«Ho potuto far parte dell’universo Marvel e divertirmi, è interessante, un personaggio diverso e alla fine Kenneth Branagh ha creduto abbastanza in me da scegliermi per il primo… È bello – ha detto l’attore di Shazam – Ma non ho avuto molto da fare, no? E niente da fare nel terzo. Sapevo che sarei morto, quello che non sapevo è che sarei morto senza dire niente. Anche le poche parole che avevo me le hanno tolte».

Nonostante questo, Levi si è detto soddisfatto e ha trovato il lato positivo della vicenda: «Sono andato in Australia, ho incontrato Taika Waititi per un paio di giorni, sapevo già che era un genio. Quindi ne è valsa la pena. E se anche non fossi morto, sarei sparito con lo schiocco, chi voglio prendere in giro?»

Chiusa la porta della Marvel, si è poi aperto il portone della DC Comics e la parte da protagonista in Shazam. Un bel guadagno, no?

Foto: Marvel Studios

Fonte: The Direct

© RIPRODUZIONE RISERVATA