Tom Cruise

Lo scorso dicembre un audio di Tom Cruise trapelato dal set di Mission: Impossible 7 ha fatto il giro del mondo. Nel file, divenuto virale in pochissimo tempo, si sentiva la voce dell’attore che, furioso, gridava contro due membri della troupe, colpevoli di non aver rispettato le distanze di sicurezza previste dai protocolli anti-Covid avvicinandosi l’uno all’altro per osservare un monitor.

Nell’audio, che potete riascoltare QUI, si sentiva l’interprete pronunciare queste parole:

«Se vi vedo farlo di nuovo, siete licenziati! E se qualcuno della crew lo fa, accadrà anche a lui. A te e anche a te. E tu, non provarci mai più o sei fo**uto. […] Siamo un modello. Sono tornati a girare film a Hollywood grazie a noi. Stiamo creando migliaia di posti di lavoro, figli di pu***na! Niente scuse. Provate a scusarvi con la gente che sta perdendo la fo**uta casa perché la nostra industria è in crisi. Gente che non ha cibo o soldi per il college. È con questo pensiero che vado a dormire ogni notte. Il futuro di questa fo**uta industria! Non sospenderemo questo ca**o di film. Avete capito? Se vi vedo di nuovo siete licenziati. […] Avete capito la responsabilità che avete? Fatelo ancora e siete licenziati.»

In seguito, tanti colleghi e star dal mondo del cinema hanno parlato per difendere o condannare il gesto di Tom Cruise, da George Clooney a Leah Remini, ma mai prima d’ora lo stesso attore aveva commentato l’accaduto. Intervistata da Empire, oggi la star di Mission: Impossible 7 ha finalmente rotto il silenzio sull’episodio:

«Ho detto quel che ho detto. C’era molto in gioco a quel punto delle riprese, ma non stavo parlando a tutta la troupe. Avevo fatto uscire tutti tranne alcune persone specifiche. […] Avevo così tante emozioni nella mia testa. Stavo pensando alle persone con cui lavoro e alla mia industria. E per tutta la troupe sapere che saremmo tornati sul set è stato un grande sollievo. È stato un momento molto commovente, devo ammetterlo.»

Foto: Getty (Michael Kovac)

© RIPRODUZIONE RISERVATA