Dopo il lieto annuncio che la saga di Star Wars uscirà in Blu-ray l’anno prossimo, Lucasfilm Ltd. ha annunciato ufficialmente ieri che i sei episodi della saga saranno convertiti in 3D e usciranno al cinema a partire dal 2012, anche se non c’è ancora una data precisa. L’ordine di uscita dei film al cinema seguirà quello cronologico, quindi si comincerà dall’Episodio I: La Minaccia Fantasma. Con cadenza annuale, usciranno tutti gli altri episodi, mano a mano che la conversione in 3D sarà completata.

La conversione in 3D di film nativamente non stereoscopici finora ha dato risultati poco entusiasmanti, come Scontro tra titani, ma la saga di Star Wars è piena di spettacolari sequenze in soggettiva (dalla gara di sgusci alla distruzione della Morte Nera) che sembrano perfette per un’esperienza tridimensionale. Ovviamente il processo di conversione sarà curato dalla Industrial Light & Magic e da George Lucas in persona, per garantire il massimo risultato possibile ed un nuovo modo di vivere nella Galassia Lontana Lontana più famosa del cinema.

«Ottenere buoni risultati per una conversione stereoscopica è una questione di prendersi il tempo ed impiegarlo bene», afferma John Knoll, Visual Effects Supervisor alla Industrial Light & Magic, «Ci vuole un occhio critico ed artistico, insieme ad un’incredibile attenzione al dettaglio, per avere successo. Non è qualcosa che si può affrettare se ti aspetti buoni risultati. Per Star Wars ci prenderemo il nostro tempo, utilizzando qualunque cosa in nostro possesso, sia dal punto di vista estetico che tecnico, per portare al pubblico una nuova, fantastica, esperienza di Star Wars».

È lecito anche chiedersi se George Lucas stavolta riuscirà a resistere alla tentazione di modificare ulteriormente la sua creatura, che ad ogni release cinematografica o in home video ha subito piccoli o grandi modifiche al montaggio e agli effetti speciali: con due release nei prossimi due anni, c’è da scommettere che vedremo l’ennesima edizione di Star Wars.

I puristi potranno storcere il naso davanti alla scelta di seguire l’ordine cronologico della saga invece che quello di uscita dei film, ma la scelta effettivamente ha una sua logica se si pensa che i film della trilogia moderna (gli episodi I, II e III) sono relativamente recenti e girati in gran parte in digitale, quindi più facili da convertire e sicuramente quelli su cui l’effetto stereoscopico sarà più spettacolare. C’è anche una componente di rischio: i primi due episodi della nuova trilogia sono stati ferocemente criticati e poco amati persino dai fan più irriducibili e non è detto che una release in 3D basti a riempire i cinema (a meno che non venga annunciata ad arte qualche modifica sostanziale al montaggio). Per vedere l’Episodio IV bisognerà dunque attendere il 2015, sempre che l’operazione abbia successo.

L’attesa è comunque insopportabile, anche perchè se finora il 3D non è stato sempre all’altezza delle aspettative, un successo o un fallimento di Star Wars in 3D potrebbe davvero cambiare le sorti della stereoscopia al cinema. Che la Forza sia con tutti noi che aspettiamo…

© RIPRODUZIONE RISERVATA