“If everybody had an ocean across the U.S.A.  then everybody’d be surfin’ like californ-I-A”. Era il 1963 quando uscì un singolo destinato a fare la storia della musica surf e del pop intero a livello mondiale: Surfin’ USA, una di quelle melodie che chiunque è in grado di riconoscere immediatamente, anche se spesso non si saprebbe citare il titolo o il nome di chi la canta. Nel caso di Surfin’ USA, però, è una mancanza grave non conoscere il nome del complesso: 36 singoli nella Top 40 statunitense, il 12º gruppo più importante in assoluto secondo Rolling Stone, il gruppo americano con maggior numero di dischi venduti in assoluto secondo Billboard. Basterebbe questo per giustificare un film sui Beach Boys, la band che negli anni Sessanta cavalcò la seconda ondata della musica surf sotto il sole della California ed esportò in tutto il mondo i “prodotti tipici” di quella terra: spiagge, bikini, surf. Ora qualcuno ha deciso che è arrivato il momento di riscoprire i Beach Boys sul grande schermo: Fox 2000 ha acquisito i diritti per la realizzazione di un film che, piuttosto che proporre una biografia dei Beach Boys, presenterà una trama originale, intessuta però sulle loro canzoni, come annunciato da The Hollywood Reporter. Un po’ come il musical Mamma Mia!, insomma, che ha saputo sfruttare i brani degli ABBA per conquistare il pubblico sia al teatro che al cinema. Fox 2000 si è aggiudicata i diritti del film con le canzoni dei “ragazzzi della spiaggia” a un’ asta cui partecipava, tra gli altri studios, anche Universal. Il “Beach Boys movie” sarà prodotto da Craig Zadan e Neil Meron, già produttori di Hairspray come anche del remake di Footloose che uscirà l’anno prossimo. Senza contare John Stamos, il quale ha collaborato direttamente con i Beach Boys, ai tempi del video della canzone Kokomo (1988), e che nei loro tour siede a volte alla batteria in qualità di “guest star”. Massima riservatezza, finora, per quanto riguarda la trama. (Foto Getty Images)

© RIPRODUZIONE RISERVATA