Marvel Thanos

Quando Thanos ha fatto la sua prima apparizione nell’Universo Cinematografico Marvel, a vestire i suoi panni era Damion Poitier, il cui look era stato completamente assemblato con degli effetti speciali pratici piuttosto che della CGI. La Marvel, però, ha deciso di optare per un cambio di rotta qualche anno dopo, non solo ingaggiando Josh Brolin nei panni del Titano Pazzo, ma scegliendo anche di affidarsi totalmente alla computer grafica per la creazione del personaggio.

QUI I CONCEPT ART ORIGINALI

Era stato Jose Fernandez degli Ironhead Studios a fornirci un’occhiata ad alcuni concept art col look originale di Thanos, e come potete vedere, presentava un aspetto molto diverso dal formidabile villain che abbiamo visto in Avengers: Infinity War e Avengers: Endgame. Il nostro, infatti, appare meno gonfio e possente, ma nel contempo, ha anche delle sembianze più diaboliche e oscure, se vogliamo più inquietanti e minacciose. In pratica, un cattivo ancora più cattivo, in cui è difficile scorgere quel bagliore di umanità che invece a suo modo rifletteva la versione di Josh Brolin.

Che cosa ne pensate in proposito? Thanos, ricordiamo, è stato sconfitto dai Vendicatori in Avengers: Endgame ed è il personaggio più potente della stirpe degli Eterni. Collegata a Thanos c’è anche una delle battute più celebri di Avengers: Endgame, se non altro perché rimanda all’iconica frase pronunciata da Iron Man poco prima di spirare: «Io sono ineluttabile». La prima volta la dice nel suo giardino privato, il pianeta dove si rifugia dopo aver decimato metà popolazione dell’Universo e aver distrutto le Gemme sfruttandone il potere stesso. Il Thanos della linea temporale del passato apprende da Nebula la battuta e può quindi riproporla sul campo di battaglia finale. Ma cosa voleva dire veramente, con quelle parole? Una teoria rilanciata come spesso capita da Reddit ha voluto dare una lettura decisamente più biblica al battuta. Ve ne abbiamo parlato qui

Foto: Marvel Studios

© RIPRODUZIONE RISERVATA