Avete presente quando Prim viene scelta per partecipare agli Hunger Games e il suo nome viene estratto tra i mille presenti all’interno dell’urna? Quante potevano essere le probabilità che ciò accadesse? E’ un po’ quello che è successo a noi con il contest.

Pieni di buoni propositi e speranze ci siamo accinti a rispondere alle vostre mail con tale entusiasmo che al confronto Effie Trinket sembrava una senza-voce di Capitol City! Ma al momento della scelta dei vincitori ci siamo sentiti prima come Prim, poi come Katniss, nel giorno della mietitura per i settantaquattresimi Hunger Games (se ve lo state chiedendo, no non ci siamo fatte le treccine allo specchio):

Ti pare che scegliamo quello sbagliato? Siamo stati attentissimi nella selezione! Tutte queste ore, notte, giorni, passati a rispondere a tutti quanti! No, dai, sul serio, figurati tu se andiamo a beccare l’unico che ci ha fregato facendo passare una foto presa da internet per sua…” E invece, come dice la Legge di Murphy “se qualcosa può andare male, andrà male” (beccatevi anche questa citazione da Interstellar, così, un po’ a tradimento).

Sfortuna volle che scegliessimo proprio quello.

Ta-dan, colpo di scena! Nelle nostre teste abbiamo sentito chiara la voce di Effie “Primrose Everdeen!”. Tra tanti bigliettini proprio quello con il nome della malcapitata ragazza. Tra più di quattrocento disegni, chi andiamo a beccare noi?… Se non è sfiga questa!

Poi lo spirito di Katniss ci ha pervaso e abbiamo urlato “Ci offriamo volontari!” (sì, è andata proprio così, siamo saliti sulle scrivanie della redazione in stile Cogli l’attimo fuggente), “Abbasso Capitol City!”,Snow ci spiccia casa!” (poi presi dall’entusiasmo la discussione è degenerata). Ma no, non ci siamo dati per vinti, perché grazie alle vostre preziose segnalazioni siamo venuti a conoscenza che il primo classificato non aveva rispettato il regolamento e abbiamo fatto di tutto per non deludervi, rintracciando il secondo in graduatoria. Ma anche lì la sfiga, peggio della nuvoletta nera di Fantozzi, ci ha seguito e non ci ha lasciato in pace. Il secondo classificato ha dovuto rinunciare alla première a causa della mancanza d’autorizzazione statale per il viaggio. Inutile però accanirsi contro Capitol City, non c’è stato niente da fare se non attenerci al regolamento. Non preoccupatevi, però, dal terzo all’undicesimo riceveranno comunque il premio secondario.

Siamo convinti che il Presidente Snow si sia alterato parecchio per la nostra scelta di appoggiare la resistenza e la ribellione, e che c’entri qualcosa in tutto questo. Ma non abbiamo prove a sufficienza per incastrarlo (per ora…).

Ci siamo fidati del buon senso dei partecipanti, del rispetto delle regole, e delle dichiarazioni di autenticità presenti nelle liberatorie. Ed è per questo che stiamo rispondendo ora in merito alle vostre segnalazioni. Siamo i primi a essere dispiaciuti da questa serie di sfortunati eventi (concedeteci la citazione cinematografica) che ha convogliato la potenziale sfiga di Prim, Katniss e tutti gli abitanti del Distretto 12 insieme. Vi assicuriamo che non c’è stata nessuna combutta con il presidente Snow. Siamo e saremo sempre dei ribelli e la nostra leader resta la Ragazza di fuoco!

Avremmo voluto premiarvi tutti e speriamo di poterlo fare in futuro. Grazie ancora per il supporto e la comprensione, e possa la fortuna essere sempre dalla vostra parte tributi, anche quando le avversità vi sono contro (la sfiga prima o poi finirà e a insegnarcelo è proprio Katniss!)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA