Il prossimo film dedicato a Wolverine chiuderà la trilogia e segnerà la fine del personaggio, per lo meno interpretato da Hugh Jackman (l’attore come i fan vedrebbero benissimo Tom Hardy come sostituto). Molti rumor hanno parlato della possibilità che quest’ultimo film sia ispirato alla serie Old Man Logan (Vecchio Logan), ma una domanda sorge spontanea: come farebbe la Fox a ricostruire il fumetto se al suo interno sono presenti moltissimi personaggi Marvel (come Hulk, Occhio di Falco, tra gli altri)?

A rispondere a questa domanda è Mark Millar, creatore della serie: «Loro non sono importanti ai fini della storiaIl modo in cui elaborai la storia è il seguente, e lo feci in maniera meccanica, pensai che dovesse dirigersi da un punto x dell’America fino ad un altro punto x in America. Ciò che avrebbe incontrato lungo la strada, tutti gli ostacoli lo decisi in seguito. La cosa fondamentale, quindi, è che si tratta di un viaggio e che Wolverine abbia un compagno [Occhio di Falco cieco nel fumetto] con lui. Ma questo compagno potrebbe essere anche Ciclope e potrebbe essere cieco perché il suo visore di quarzo e rubino si è rotto ed è costretto così a tenere gli occhi chiusi tutto il tempo. Ci sono un sacco di modi. Invece di Hulk potrebbero usare Blob o qualcun’altro».

Millar continua rivelando cosa ne pensa degli universi coesi: «Onestamente, la questione della continuità è la parte più noiosa. Certo, mi piace mantenere tutto nell’Universo X-Men, perché i fan dei fumetti sono diversi da quelli mainstream. So che si finisce sempre per guardare al passato, l’ho fatto per tutta la mia vita, ma non tutti conoscono i minimi dettagli quindi penso che rimanere sul semplice e legarlo solo vagamente nell’universo degli X-Men sia la cosa più intelligente da fare».

Cosa ne pensate delle parole di Mark Millar? Siete d’accordo con lui o pensate che un Vecchio Logan senza personaggi Marvel non abbia senso?

Leggi anche Wolverine 3: Hugh Jackman rivela alcuni dettagli sulla sceneggiatura

Fonte: CBM

© RIPRODUZIONE RISERVATA