Brad Pitt aveva detto di avere «tante idee in pentola» per un eventuale sequel di World War Z, il kolossal catastrofico-zombesco che, nonostante i problemi produttivi – tre sceneggiatori diversi tra cui Damon Lindelof, infiniti reshoot, il regista Marc Forster che abbandona la baracca appena il film arriva nei cinema –, è riuscito a incassare oltre 500 milioni di dollari nel mondo ed è dunque diventato un franchise potenzialmente miliardario.

Ebbene, a quanto pare l’acqua della suddetta pentola ha cominciato a bollire, se è vero, come riporta Hollywood Reporter, che il sequel è ufficialmente pronto a nascere e che il suo regista ha già un nome: si tratta di Juan Antonio Bayona, regista dello splendido horror The Orphanage e dell’altrettanto meraviglioso disaster movie The Impossible. Ancora non sappiamo in che modo la produzione ha intenzione di proseguire la storia, considerando che, rispetto alla stesura originale, lo script definitivo terminava con [SPOILER] Pitt che si riuniva alla famiglia [/SPOILER], e non è quindi facile immaginare come le cose possano tornare a essere catastrofiche a sufficienza da giustificare un sequel. Staremo a vedere, di certo sapere che dietro la macchina da presa c’è un esperto di distruzione come Bayona ci fa ben sperare.

Fonte: Hollywood Reporter

© RIPRODUZIONE RISERVATA