Non so voi, ma noi annusiamo una certa commozione in arrivo per X-Men: Apocalpyse, pellicola che concluderà la seconda trilogia sui mitici mutanti.

A prometterci pathos e intensità, infatti, è niente di meno che Simon Kinberg in persona, produttore e sceneggiatore della saga. Spiega in un’intervista a Collider: «È veramente molto eccitante. L’ho già detto precedentemente e ora lo sento anche di più dopo aver visto il film in fase di montaggio. Penso che sarà il più grande dei film di X-Men in termini di gamma ed estensione, soprattutto per quanto riguarda le emozioni. Ha un livello di dramma ed emozioni per tutti i personaggi. Mentre ci lavoravamo, pensavo che questo sarebbe stato il culmine della piccola trilogia per quanto riguarda i giovani Erik, Charles, Mystique e Bestia, ma è stato sorprendente, durante le riprese e ora in post-produzione, notare come siano risonanti anche le storie dei giovani Jean, Scott e Tempesta».

Insomma, sappiatelo: nessun personaggio verrà lasciato a se stesso, ma tutti contribuiranno ad amplificare la potenza della pellicola. Prosegue Kinberg: «Credo che il film si presenti in maniera molto bilanciata per quanto riguarda – non voglio chiamarla la vecchia generazione, perché erano la generazione più giovane, ma la generazione degli X-Men degli ultimi due film – e la nuova generazione». Se a tutto questo ci aggiungiamo pure una nuova sfavillante scena con Quicksilver, allora siamo proprio a cavallo. Per vedere Apocalypse, non rimane che attendere la sua uscita italiana prevista il 26 maggio 2016!

Fonte: Collider

© RIPRODUZIONE RISERVATA