Facciamo una piccola eccezione alla regola e guardiamo al 2015, con un gioco che è l’esempio della contaminazione tra cinema e videogames. Sulle orme del già citato Alien: Isolation e dell’inquietante The Evil Within, Until Dawn sembra una sintesi videoludica di tutto l’immaginario dei teen horror sfruttato al cinema. Un gruppo di ragazzi si ritrova braccato da un feroce serial killer in montagna – zona isolatissima, manco a dirlo – e la trama si sviluppa in base alle scelte del giocatore, garantendo un numero pressoché infinito di rami narrativi. Il taglio cinematografico è evidente, esaltato dalla qualità next-gen.

Torna al pezzo principale Cinema virtuale: 13 videogiochi cult tratti da film celebri

© RIPRODUZIONE RISERVATA