FINALMENTE BOND RITROVA UN PROPRIO STILE E LA PROPRIA IDENTITÀ’

“Nessun rimorso..il rimorso e’ per i perdenti” Daniel Craig in (007) “Skyfall”

ALL’INIZIO ERAVAMO PREOCCUPATI

C’e’ sempre timore a vedere un film di 007, per due motivi…

il primo e’ che esistono troppi surrogati vedi l’inguardabile “Mission Impossible” scritto sempre peggio o “The Bourne Identity” con la star cambiata anche se il pubblico italiano pare non aver gradito..

Il secondo e’ che nel tempo Bond e’ diventato una sorta di Avengers, cosa c’e’ di diverso ormai tra Tony Stark e James Bond? Forse un completo di alta sartoria …

SCENEGGIATURA AZZECCATA

Con Skyfall sembra di vedere più film in uno: non tanto per la durata (comunque giusta) ma per il percorso che seguono gli sceneggiatori nel raccontare il nuovo episodio.

BASTA ASPETTARE E SUPERARE I TITOLI DI TESTA….E IL FILM DIVENTA UN VERO FILM PER TUTTI…

All’inizio del film eravamo veramente preoccupati…con il classico inseguimento con l’agente segreto che salta,spara,rincorre e neanche si sporca la giacca…

Poi partono i titoli di coda della cantante più amata nel mondo degli ultimi anni Adele e il film decolla…

Non sappiano dirvi se il gradimento di Skyfall derivi dal regista premio Oscar Sam Mendes,dagli sceneggiatori o dalla new entry Javier Bardem efferato psicopatico….ma stavolta tutto funziona senza momenti di noia anche privandoci di qualche inseguimento di cui si abbonda nei primi 10 minuti dopo i quali Skyfall diventa un vero film per tutti.

UP&DOWN

Di positivo poi c’e’ Judi Dench, impensabile non vederla in un film di 007..

poi ci sono 3 pecche intanto il giovane “Q” troppo nerd, poi le donne che sembrano da tanti anni scomparire, neanche ti ricordi chi siano state negli ultimi 5 film e poi il grandissimo attore Ralph Fiennes troppo sopra le righe…

Per il resto i punti di forza ci sono tutti, Bond, non vanesio ma faccia molto dura che tanto piace alle donne (come Javier sogno proibito di molte) e che ameranno una scena in doccia.. Craig piacerà’ anche agli uomini perché e’ molto convincente

A tratti si sentono anche nella sceneggiatura frasi riconducibili ai vecchi Bond come “solo per i suoi occhi’ o “Bersaglio mobile” a voler omaggiare il personaggio che affascina tutti..

NESSUNA DELUSIONE

3 le scene migliori ascensore a Shanghai, Metropolitana dove succede qualcosa e la scena prefinale ambientata in Scozia.

Poi Bond non tradisce chi ama l’innato humour inglese e battute piacevoli con Q apparentemente sbarbatello “La giovinezza non e’ sempre garanzia di innovazione”…o i dialoghi con M…. o con la collega “ci sono cose che ancora mi piace fare alla vecchia maniera”

A VOLTE PENSI CHE C’E’ GENTE CHE SCRIVA SENZA VEDERE I FILM…

Poi come al solito in giro abbiamo letto un sacco di cavolate come se fosse aperto al mondo dei non etero, come se fosse un insieme di oggetti da pubblicizzare, etc…

Non e’ cosi’….

007 RITROVA LA SUA IDENTITÀ

Stavolta Dench, Craig con la new entry Bardem non deludono… perché il film ritorna ad avere un suo stile una propria identità che aveva perso…basta superare i titoli di coda…

SOLDI BEN SPESI…PER IL POKER CHE TI ASPETTA

E dobbiamo dire che “Le Belve”,”Argo”,”Red Lights” e “Skyfall” non potrete sicuramente dire di aver sprecato i soldi…

Da vedere

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Vai al Film