Che dall’horror domestico The Conjuring, che lo scorso anno aveva incassato nel mondo 318 milioni di dollari a fonte di un budget di 20, germogliasse una saga era abbastanza scontato. Più sorprendente è che si cominci con uno spin-off: Annabelle è infatti incentrato sulla minacciosa bambola conservata tra i cimeli dei Warren, gli investigatori del paranormale protagonisti del primo film. Passata di mano in mano, finisce nella casa di John e Mia Form, poche settimane prima che la donna partorisca. La notte stesse una coppia di satanisti evoca un demone che punta all’anima della neonata… Scary movie a basso budget, Annabelle è il solito esercizio di ripresa e messa in scena in cui la tensione si ottiene esplorando gli spazi vuoti e lo spavento usando la colona sonora come una frusta. Ci sono sequenze più efficaci (l’inseguimento sulle scale, l’aggressione del fantasma che entra ed esce dalla finestra), altre meno, e va bene così, se non fosse che il film è una lista di cliché tenuti assieme da comportamenti assurdi (perché nessuno si decide mai a fare in mille pezzi la bambola?) e volti sconosciuti: c’è il marito scettico, il prete illuminato, una libraia che ha tutte le risposte e spiega a Mia quel che sta succedendo. C’è insomma una pigrizia generale nel mettere assieme l’ennesimo film di possessioni rubacchiando a destra e a manca (da Paranormal Activity agli horror orientali) che odora tanto di marketing e poco di ispirazione.

Leggi la trama e guarda il trailer

Mi piace
Ci sono una manciata di sequenze che stendono, la regia è in generale efficace

Non mi piace
Un po’ meno di pigrizia in fase di scrittura non avrebbe guastato

Consigliato a chi
Non si stanca mai di demoni e possessioni

Voto: 2/5

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Vai al Film