Un film quantomeno particolare, almeno nel protagonista Frank, cantante a capo di una scalcinata band che… vive tutto il giorno con indosso una maschera enorme che gli copre la faccia.

Il caso farà incontrare Frank e gli altri elementi anomali del suo gruppo con un ragazzo normale, con aspirazioni da musicista, rimpiazzo fortuito di un loro membro.

Se vi sembra il classico insieme di cose a caso, per dara un’impronta comica e weird, vi sbagliate: Frank sicuramente vi farà divertire ( i modi in cui enuncia le proprie espressioni perchè nessuno le puo’ vedere, per non parlare del ‘problema’ del manager…) ma anche riflettere, e porvi delle domande tutt’altro che banali: sono arte e genio sempre associati alla pazzia? Sono le esperienze traumatiche a fare un artista?

Non tutte le risposte vi saranno chiare; forse neanche il senso di un film dove l’elemento di vicinanza con il pubblico -teoricamente il protagonista- diventa fastidioso e il finale prende una piega più melanconica di quanto ci si potesse aspettare.

Insomma un po’ particolare, come Frank

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Vai al Film