Il virtuosismo stilistico di Ritchie affont’il fantasy e toppa, non l’esalta ma ne tarpa le ali con un’action caotica prima fastidiosa e alla fine disastrosa. Law che mett’il broncino per caratterizzare il proprio personaggio da villain è il max dello sforzo di sceneggiatura. “Dove c’è un veleno c’è un rimedio”: il pubblico che ha disertato le sale pare averlo trovato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Vai al Film