Il tanto decantato KING KONG del grande Peter Jackson poteva essere una rivelazione sia per gli effetti (davvero speciali) meritatamente premiati sia per la pellicola girata nell’epoca della tecnologie e da cui mi attendevo un film di almeno 2 ore o poco più ma godibile. Invece in film colossal è di 3 ore (nell’edizione blu ray sono stati aggiunte scene nella versione estesa per quasi 20 minuti). Tagliate alcune scene tra le migliori legate all’isola del teschio con nuovi e vari mostri (mi chiedo perchè spendere tanti soldi per crear ambienti e mostri per poi tagliarle dalla pellicola?). Troppo,troppo lunga la scena del viaggio di andata dove si da spazio ad un lungo e stancante riempitivo. Naomi nella manona di K.Kong,quasi stritolata,sarebbe già morta come essere umano,specialmente quando sbattuta a destra e a manca mentre K.Kong correva nella foresta. La stessa naomi,rincorsa da dinosauri corre più veloce di loro e.non da meno il T.Rex che ha un fiuto fino a 10 km non si era accorto che naomi era a pochi metri.
La corsa dei brontosauri sembra un mega incidente stradale con vari e incredibili capotamenti (ma per favore!!!) con i brontosauri in corsa (cercate i dettagli di questo dinosauro e vi accorgerete dell’assurdo di questa scena!) e non solo:nella folle corsa dei brontosauri c’eran gli umani puntualmente salvi dalle zampone dei titani (questa poi…).
Nessuno ci ha raccontato come sia stato portato Kong a New York dato che non avevano più imbarcazione adeguata e nessuno sa spiegare come faceva Kong a reggersi con 4 dita sul precipizio mentre un T.Rex lo tirava giù? Oppure come faceva Kong in versione mortal kombat da solo a uccidere uno dopo l’altro i 3 T.Rex con una mano mentre nell’altra custodiva la povera Naomi (sopravvissuta incredibilmente). Ci sarebbe da dire ancora molto ma preferisco concludere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Vai al Film