Probabilmente molti guardando il trailer si saranno chiesti se si trattava dell’ennesimo film sui supereroi costato milioni e milioni di dollari ma incapace di lasciare un vero segno nel pubblico. Sebbene anche in questo caso non si possa certo dire che sia stato un capolavoro, ha comunque, sotto certi punti di vista, sorpreso. Non trattandosi infatti di uno dei supereroi più famosi, come ad esempio Captain America o Thor, anch’essi appena usciti sul grande schermo, Martin Campbell è comunque riuscito a raccontare un’interessante storia. L’eroe è quello classico della DC comics, bello onnipotente pronto ad ogni sacrificio pur di salvare il proprio mondo , accompagnato, ovviamente, dalla bella di turno, in questo caso Blake Lively, che dopo la grossa fama ottenuta da Gossip Girl sta tentando di sfondare anche sul grande schermo, ed infine in classico costume del supereroe che in realtà un vero costume non è poichè al momentodella trasformazione in Lanterna Verde diventa un tutt’uno con il protagonista, Hal Jordan. La storia risulta però avvincente anche perchè è arricchita da effetti speciali bene riusciti anche se, come in ogni film che tratti di scontri tra ”il bene ed il male” e storie da more tra bellissime donne e personaggi sovrumani, i risvolti sono quasi sempre scontanti, ma non per questo noiosi o meno appassionanti. La sorpresa, o quasi, di questo film è però Ryan Reynolds che, indossati i panni di un altro supereroe, Deadpool, ha deciso di rituffarsi in una nuova avventura passando però dalla sponda Marvel a quella della DC comics. Anche se non si tratta certo di un film troppo impegnativo, Reynolds è comunque riuscito ad entrare nel personaggio mettendo in mostra ottime capacità interpretative dimostrando quindi di esser in grado di tuffarsi prima in simpatiche commedie, vedi Ricatto d’Amore con il premio oscar Sandra Bullock, e successivamente in ruoli più attivi. Ancora indecifrabile è invece la ancora molto giovane Blake Lively che, al contrario del sopra citato Ryan Reynolds, non sembra ancora del tutto capace di esprimersi al meglio. Ciò è però giustificato dal fatto che la ragazza è ancora alle prime armi essendo questo uno dei primi ruoli di un certo spessore, almeno per quanto riguarda il cinema.
In sostanza si può quindi dire che il film sia ben riuscito e che gli amanti dei supereroi e dei fumetti potrebbero trovare, per l’ennesima volta, un modo per spendere due ore per rivivere quelle avventure che un tempo si potevano solo immaginare grazie alla magia dei fumetti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Vai al Film