“Niente da dichiarare?” COMMEDIA FRANCESE COMICA MOLTO DIVERTENTE

Due nemici amici…

“Niente da dichiarare?” racconta la storia due doganieri uno Francese e laltro Belga, non si sopportano, non sopportano l’altro paese, si ignorano e deridono gli usi e costumi del paese confinante anche se ogni giorno lavorano uno a soli 100 metri dell’altro.

Una storia universale come lo era Giu’ al Nord dove l’uomo del sud era costretto ad andare al Nord della Francia facendo amicizia con persone che credeva villane e pericolose.

“Una volta che conosci bene un’altra persona ti accorgi che e’ uguale a te, con usi e costuni solo diversi”.

Nel film iI due doganieri che si ignorano subiranno un doppio “trauma” scoprire che a breve non esisteranno piu’ posti di blocco con il relativo libero accesso e rassegnarsi all’idea dei superiori di organizzare un team francobelga di controllo dove un francese e un belga con un catorcio e un cane dovranno vigilare le zone limitrofe…..

I due pur odiandosi inizieranno a lavorare insieme…ma dietro questa dura decisione c’e’ un segreto e tante risate…

La cosa curiosa che ci domandiamo e’…

come fanno i francesi a rendere una storia semplice tecnicamente di respiro internazionale? la fotografia e’ perfetta,anche il piu’ piccolo dei ruoli scelto e’ azzeccato, la regia mai imperfetta.

Che sia una commedia piu’ o meno leggera come questa tutto risulta godibile, c’e’ per esempio una scena dove un attore scende dalla finestra e cade dal tetto, in italia avrebbero fatto un primo piano sul “culo’ dell’attore e un capitombolo con effetti sonori da cinepanettone, qui invece tutto e’ credibile, anche se gli inseguimenti sono stile “harbie il maggiolino” (la macchina e il cane sono altri 2 protagonisti del film) non si vedono le comiche sciatte e gratuite di alcuni film (fortunatamente solo alcuni film) made in Italy..

“Niente da dichiarare” cresce, due persone che si odiano, due facce, due caratteri(sti),due realta’ che scontrandosi ancora una volta cercano di allearsi. Ci riusciranno? Lo vedrete al cinema.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Vai al Film