RECENSIONE DI BREAKING DAWN (Circa 290 parole-RECENSIONE)

Isabella Swan e Edward Cullen si sposano, mormorano i loro sì in sordina durante una cerimonia tradizionalmente elegante, che per una volta riunisce tutti, umani e non, Jacob compreso. Il viaggio di nozze in Brasile si conclude con una gravidanza inaspettata e pericolosa, per il ritmo di crescita del feto e il rischio a cui è sottoposta la madre. Se Bella non sente ragioni e vuole tenere il bambino, Edward e molti della sua famiglia vorrebbero invece dissuaderla.
Sulla saga della Bella e delle bestie la Meyer ha versato fiumi d’inchiostro, solo “Breaking Dawn” conta più di 700 pagine, ma occorre essere onesti e dare al cinema il merito di aver senza dubbio migliorato la carta. Per il capitolo finale, la regia passa a Bill Condon, che non fa sfoggio di virtuosismi ma bada alla storia e traghetta quelli che solo due anni fa erano liceali ai primi sospiri verso un’età improvvisamente adulta, fuori dalla famiglia d’origine dentro una famiglia creata in autonomia e antropologicamente mutata.
Nonostante l’apertura sulla cerimonia (la sequenza più commovente del film), la vicenda non rinuncia certo al triangolo e anzi lo estende al massimo (con Edward e Jacob uniti nella pratica ginecologica) fino a fargli mutare forma, nel finale. Se negli altri film il melodramma di base s’ibridava volentieri con il teen movie o l’action, qui è l’horror che fa capolino, nelle crude scene della gravidanza della protagonista, minacciata di morte dall’interno del proprio corpo. Questo capitolo, infatti, è probabilmente migliore del precedente. Dal vestito da sposa di Bella, che non può deludere le fan, alle scene della consumazione, l’operazione Twilight si è conclusa con successo, ora non ci rimane che vedere la seconda parte!

p.s. BEST MOVIE CONSIDERATE VALIDA QUESTA RECENSIONE E NON L’ALTRA. GRAZIE MILLE!!!

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Vai al Film