Un film molto particolare quello di Thor : The Dark Word . Prima di tutto per la sua struttura narrativa . Per quanto il regista Alan Taylor si sforzi di realizzare un film dai toni drammatici , in realtà si evince una lettura troppo facile ed esile della storia . In molti punti del film la trama diventa troppo morta e priva di quell’entusiasmo che arriverà solo con l’entrata di Loki .Un film che sicuramente diverte , emoziona e stupisce ( spettacolari sono le esterne/interni di Asgard ) ma allo stesso modo lascia lo spettatore con un sapore amaro sulla bocca .Un finale troppo frettoloso ( nonostante lo scontro finale tra Thor e Malekith sia epico e dinamico nei continui salti dimensionali ) . Sembra quasi che si voglia giungere ad una conclusione scontata . Rimangono diversi dubbi che spero vengano risolti in un ipotetico Thor 3 o almeno in The Avengers 2 ( chi l’ha visto potrebbe capire a cosa mi riferisco ). Nonostante queste piccolo sottigliezze il mio voto è 8 su 10 .L’impronta di Alan Tayloro è molto presente , come quella di Whedon nella collaborazione di alcune scene .

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Vai al Film