Un film straordinario al momento giusto. E’ uno di quei film che quando iniziano sembrano noiosi, scontati ma come un libro non si può giudicare dal primo capitolo un film non si può giudicare dai primi fotogrammi. La protagonista Greta, interpretata meravigliosamente da una Keira Knightley che sembra rinata, è una scrittrice di canzoni che però cade nel dimenticatoio dopo che il suo fidanzato inizia a fare carriera. Viene trascinata in un bar da un suo vecchio amico che cerca di strapparla dalla tristezza facendole cantare il suo ultimo pezzo. Qui incontra Dan, interpretato da Mark Ruffallo che sorprenderà tutti i fan di Hulk con questo ruolo un cercatore di perle della musica che però da sette anni non riesce ha trovare nuove ”curiosità”. Dan rimane affascinato durante una sbronza dalla voce di Greta e le propone di incidere un disco con la sua casa discografica che lo ha appena licenziato. Inizia così un viaggio alla ricerca del sound perfetto incidendo canzoni per tutte le strade di New York , il quale farà capire i due che per quanto la vita può sbatterti porte in faccia primo o poi almeno una tela riapre.
Le ambientazioni dove il film viene girato non mancano di sorprese soprattutto perchè non riprende quell’America luccicante e affascinante. Ci fa conoscere quella parte che pochi film hanno il coraggio di far vedere, quella semplice e allo stesso tempo intrigante.
Di sicuro vale la pena spendere i soldi del biglietto. Questo film ha la capacità di farti tornare indietro con i ricordi ti scava dentro facendoti pensare agli errori e hai tanti sogni che ti hanno fatto andare. Ti fa rimanere dritti sul sedile della sala con il fiato corto la curiosità di vedere come va a finire se veramente riescono… E dopo questa ansia e eccitazione le lacrime salgono agli occhi. Non lacrime tristi, lacrime soddisfatte nutrite di quella speranza che oggi serve per continuare a credere in ciò che siamo e vogliamo diventare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Vai al Film