Per i gamers appassionati di non-morti, il 2012 è stato un anno glorioso: l’uscita del capolavoro targato Telltale Games The Walking Dead, che s’è portato a casa qualsiasi premio possibile, ha dato nuova linfa a un genere che si stava chiudendo su se stesso e stava trasformando i videogiochi a base di zombie nell’ennesima galleria di teste da far saltare. TWD partiva dalla solida base del franchise d’origine, ma raccontava un’altra storia, diversa da quella dei fumetti e della serie tv, la vicenda di un gruppo di sopravvissuti in fuga dall’apocalisse e (soprattutto) del rapporto tra il protagonista Lee e la piccola Clementine, alias la bambina più adorabile e intelligente che sia mai stata raccontata in un videogioco (e forse non solo). Se non avete ancora provato The Walking Dead, il consiglio è di farlo (magari ieri o l’altroieri): lo trovate su praticamente tutte le console possibili e immaginabili (PS3, XBox 360, iPad, iPhone, PC, Mac, forse anche qualche microonde di ultima generazione); se invece già lo conoscete, sarete felici di sapere che il 2013 dovrebbe (dovrebbe!) portarci una seconda stagione e uno spin-off, di cui vi abbiamo già parlato.

Se invece cominciate a stufarvi del franchise, c’è un altro progetto che dovreste comunque tenere d’occhio: si tratta di The Last of Us, nuovo gioco creato da Naughty Dog (quelli di Uncharted) di cui vi avevamo già parlato in occasione della presentazione all’E3. Uscirà a giugno e metterà i giocatori nei panni di un uomo che deve proteggere una ragazza in un viaggio attraverso un’America post-apocalittica e abitata da creature che, se anche si scoprisse che non sono zombie, agli zombie assomigliano eccome. Vedremo se le promesse di una vera e propria rivoluzione saranno mantenute: se così fosse, il 2013 si preannuncia già come un altro grande anno per il mondo videoludico.

Scopri il numero 1

© RIPRODUZIONE RISERVATA