Il tornado di squali di Sharknado scoppiato quest’estate, non ha ancora smesso di girare. E venerdì primo novembre raggiungerà anche l’Italia, Lucca per essere precisi. Perché all’edizione 2013 del Lucca Comics & Games verrà proiettato il film-caso (che avrà un sequel) di Anthony Ferrante e prodotto dalla Asylum, casa cinematografica specializzata in film a bassissimo costo (qui trovate la nostra top ten dei suoi film più folli di sempre). Presentata da Minerva Pictures, la proiezione avrà luogo alle ore 14.30 presso il Cinema Centrale, e va ad arricchire ulteriormente un programma della sezione Movie Comics & Games già vastissimo, che comprende eventi dedicati a  Hunger Games: La ragazza di fuocoWolverine: L’immortaleThor: The Dark World (scopri come partecipare all’anteprima del cinecomic grazie al contest di Best Movie) e Ever After High, la nuova linea di bambole della Mattel, L’arte della felicità, film d’animazione di Alessandro RakArrugas – Rughe, film d’animazione di Ignacio FerrerasFuga di cervelli, la commedia di e con Paolo RuffiniEnder’s GameCapitan Harlock, Frankenstein Junior e Il mio vicino Totoro.

Lucca Comics & Games si terrà dal 31 ottobre al 3 novembre e Best Movie vi parteciperà in qualità di media partner.

Sotto, trama e poster italiano di Sharknado:

Durante una tranquilla giornata a Los Angeles l’ex campione di surf Fin Shepard (Ian Ziering), assieme all’amico di sempre Baz, assiste ad un attacco da parte di migliaia di squali sulla spiaggia di Santa Monica. Subito dopo, una violenta tempesta investe la città, allagandone le strade. Fin intuisce subito la gravità della situazione e, con lo stesso Baz e alla fidanzata Nova, parte alla ricerca dell’ex-moglie April (Tara Reid) e dei due figli, che vivono nell’entroterra. La situazione si complica quando diversi tornado e trombe d’acqua sollevano gli squali in aria, scaraventandoli all’interno della città. Solo l’intervento della famiglia di Fin (soprattutto del figlio, aspirante pilota di elicotteri) riuscirà a salvare il mondo dalla terribile invasione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA