Assembled

Gli Avengers diventano un pezzo d’arte, e valgono migliaia di dollari. Il merito è di BossLogic, da tempo, è un apprezzatissimo artista pop che lavora sull’immaginario condiviso di film, serie tv e videogiochi con opere apprezzate in ogni angolo del mondo.

Finora BossLogic ha costruito la sua fama sopratutto sui social media e sul web (il suo profilo Instagram è seguito da più di 2 milioni di persone), diventando tanto conosciuto da stabilire collaborazioni fisse con Ubisoft, Marvel e DC proprio per creare art-work promozionali per i loro videogames e film. Oggi, però, BossLogic (nome d’arte di Kode Abdo) ha dimostrato di essere molto quotato anche nel mondo dell’arte.

La sua opera digitale The Last Shawarma, nella quale rivisita il capolavoro L’ultima Cena di Leonardo in chiave Avengers citando la scena post-credit del primo film del franchise, è stata infatti venduta a 35mila dollari su un’asta online. E sempre sul sito dell’asta una variante dell’opera, The Last Shawarma Snapped, è stata battuta a 33,383.00 dollari.

Guarda QUI The Last Shawarma venduto per 35mila dollari

BossLogic, insomma, è definitivamente entrato nel mercato dell’arte digitale, grazie alla sua capacità di intercettare lo spirito mitologico ed epico degli universi dei supereroi, trasformandoli ancora di più in icone pop. La galleria che ha trattato le sue opere, IV Gallery di Los Angeles, lo ha presentato all’asta tracciando il suo percorso così: «BossLogic è un gigante nell’industria dell’intrattenimento: dagli inizi umili, creando “fan art” e postando sui social media, ora è regolarmente incaricato dalla Marvel e dalla DC di creare arte per i loro film. È diventato così influente che gli studi hanno persino notato la sua arte “Fan Cast” in cui sceglierà gli attori per i personaggi e creerà il suo poster “mash up”. Nel 2017 ha creato un’opera che ritrae Rosario Dawson come un personaggio in The Mandalorian: è diventato così popolare che ha attirato l’attenzione di Rosario e dei produttori che ha effettivamente ottenuto la parte!».

Foto: MovieStills

© RIPRODUZIONE RISERVATA