Il weekend del Ringraziamento sarebbe stata la prova del nove per le uscite di punta di questa stagione. Gli avversari che si sono contesi i primi posti della classifica americana, però, non hanno avuto alcuna chance davanti alla travolgente vittoria di Hunger Games: Il canto della Rivolta – parte I. Lo scorso fine settimana il film con Jennifer Lawrence si era guadagnato il miglior esordio dell’anno, e con i 56,8 milioni incassati nell’ultimo weekend ha raggiunto i 225 milioni di dollari totali.

Un ottimo risultato che, in valore assoluto, perde il 50% rispetto alla prima settimana nelle sale, ma che risulta comunque doppio rispetto al diretto concorrente: I pinguini di Madagascar. Per la DreamWorks gli incassi si fermano a 25,8 milioni di dollari. Il secondo posto scontenta, soprattutto alla luce dei precedenti film della saga, che avevano esordito con guadagni mai inferiori ai 60 milioni. Non si tratta di un flop, ma le possibilità che il film, che pure nelle prossime settimane non dovrebbe avere rivali nell’ambito di titoli per famiglie, chiuda con più di 100 milioni di dollari totali sono piuttosto scarse.

Al terzo posto scende Big Hero 6 della Disney. Dopo 4 settimane il film continua a riscuotere gli apprezzamenti del pubblico, che lo premia anche questo weekend con un incasso di 18,7 milioni di dollari. Le feste natalizie ormai prossime e un guadagno totale che ha ormai superato i 167 milioni, lasciano sperare che questo film arrivi a chiudere la stagione con 200 milioni totali.

Scende di una posizione ma incassa altri 15,8 milioni Interstellar di Christoper Nolan, che arriva in 4 settimane a 147 milioni di dollari totali. Decisamente peggio Come ammazzare il capo…e vivere felici 2: il sequel non riesce a ripetere il successo del primo episodio, incassando all’esordio appena 15 milioni di dollari, la metà del primo capitolo.

Per i sequel non è decisamente il weekend migliore: anche Scemo & + scemo 2 non è riuscito a mentenersi ai livelli dell’esordio da 38 milioni di dollari, precipitando al sesto posto con un incasso che supera appena gli 8 milioni di dollari. Settimo posto, ma grandi onori a La Teoria del Tutto. Il biopic sulla vita di Stephen Hawkins (leggi la nostra recensione dal Festival di Torino) guadagna questo weekend 5 milioni di dollari, un risultato eccellente per una distribuzione di appena 800 copie, che ha fatto del passaparola positivo e alla buona opinione del pubblico la sua maggiore virtù. Sullo stesso binario corre un altro biopic, The Imitation Game: la pellicola con Benedict Cumberbatch esordisce in 4 copie con un incasso sbalorditivo di 480 mila dollari, quasi 120 per sala, e lascia sperare, come per La teoria del Tutto, una risalita nelle prossime settimane.

Proseguendo nella classifica, all’ottavo posto troviamo Gone Girl, il thriller di David Fincher ha ormai ampiamente guadagnato questa stagione, raggiungendo i 160 milioni di dollari. Dopo 9 settimane sfiora ancora i 2,5 milioni di dollari al botteghino. Alla nona posizione si mantiene Birdman, che in cassa un milione e ottocento mila dollari. Chiude la classifica St. Vincent, la commedia viene battuta per poche centinaia di dollari, incassando questo weekend 1,7 milioni.

La Top 10 completa dal 28 al 30 novembre 2014:

  1. The Hunger Games: Mockingjay – Part 1  (56,875,000 di dollari; 225,693,000 in 2 settimane)
  2. Penguins of Madagascar (25,800,000 di dollari; new entry)
  3. Big hero 6 (18,770,000 di dollari; 167,209,000 di dollari in quattro settimane)
  4. Interstellar (15,800,000 di dollari; 147,090,000 in quattro settimane)
  5. Horrible Bosses 2 (15,700,000 di dollari; new entry)
  6. Dumb and dumber to (8,295,000 di dollari; 72,205,000 di dollari in tre settimane)
  7. The theory of everything (5,082,000 di dollari; 9,604,000 di dollari in quattro settimane)
  8. Gone Girl (2,470,000 di dollari; 160,757,000 di dollari in nove settimane)
  9. Birdman (1,880,000 di dollari; 17,237,400 di dollari in sette settimane)
  10. St. Vincent (1,773,000 di dollari; 39,327,000 di dollari in otto settimane)

Fonte: Box Office Mojo

© RIPRODUZIONE RISERVATA