It’s a family business, verrebbe da dire guardando Brad Pitt e Angelina Jolie. Tra le centinaia di coppie di Hollywood a cui magazine e tv dedicano costantemente servizi e approfondimenti, la loro è una delle poche a non passare mai di moda, tanto da essersi guadagnata l’appellativo di Brangelina: divertito riconoscimento a un affetto e, al tempo stesso, marchio di fabbrica, simbolo di un team. Perché in fondo si tratta di una vera e propria squadra, sia nel privato che nel pubblico: dal 2005 (anno in cui si conobbero sul set dell’action comedy Mr. & Mrs. Smith, quando Pitt era ancora sposato con Jennifer Aniston) a oggi i due hanno portato avanti parallelamente le rispettive carriere, senza mai trascurare la numerosa famiglia, fino al punto di incrociare vita personale e lavoro.

Nonostante siano spesso costretti a trascorrere lunghi periodi lontano da casa, i Brangelina si muovono insieme. Sarà per questo che, quando i rispettivi impegni lo consentono, si accompagnano e supportano a vicenda: laddove Angelina presenta un progetto – che sia in Australia, Europa o Stati Uniti – possiamo scommettere che ci sarà anche Brad, e viceversa. Due dei loro sei figli (tre naturali, Shiloh e i gemelli Knox e Vivienne, e tre adottati, Maddox, Pax e Zahara) hanno già iniziato a muovere i primi passi nell’industria del cinema: Vivienne, 6 anni, ha interpretato la parte della giovane Aurora nel kolossal Disney Maleficent, al fianco di sua madre, mentre il 13enne Maddox è stato assunto come assistente di produzione sul set di By the Sea, un progetto che vede coinvolti i Brangelina come interpreti (era dai tempi di Mr. & Mrs. Smith) e produttori e, nel caso della Jolie, anche regista. E che dimostra come spesso il lavoro abbia la meglio sul privato: lo scorso 23 agosto i due sono convolati a nozze in gran segreto in Francia, nel corso di una piccola cerimonia alla presenza di pochi parenti e amici. Ma, piuttosto che partire per una vacanza da soli come tutti i neo-sposi, sono tornati a Malta insieme ai figli per iniziare le riprese del film, trascorrendo quella che lo stesso Pitt ha definito ironicamente «una luna di miele disfunzionale ma divertente». Scritto da Angelina Jolie e ambientato negli anni ’70, questo dramma intimista racconta la crisi di coppia di Vanessa e Roland, lei ballerina e lui scrittore, e il loro viaggio romantico verso una cittadina sul mare, ultimo tentativo per salvare il matrimonio.

Considerando le recenti dichiarazioni dell’attrice, che ha ammesso di non aver mai amato la recitazione, tanto da sentirsi pronta a smettere, By the Sea (il film non ha ancora una data di uscita) potrebbe rappresentare una delle sue ultime interpretazioni. E il passo definitivo verso una carriera votata alla regia e alla produzione, entrambe già sperimentate con Nella terra del sangue e del miele e Unbroken, in uscita proprio questo mese.

Non così radicale sembra il futuro del marito che, pur avendo partecipato alla produzione di serie tv (Resurrection) e film importanti come The Departed, The Tree of Life, World War Z e 12 anni schiavo (solo per citarne alcuni), sembra intenzionato a rimanere ancora davanti alla macchina da presa a lungo. L’ultima sua prova, Fury, per ironia della sorte approda nelle nostre sale proprio il 29 gennaio, in contemporanea con Unbroken.

Due titoli molto diversi ma in fondo legati da un comune filo rosso: la guerra. […]

 

Leggi l’approfondimento completo su Best Movie di gennaio, in edicola dal 23 dicembre.

Leggi anche l’intervista a Brad Pitt e quella ad Angelina Jolie.

 

(foto: Getty Images)

© RIPRODUZIONE RISERVATA