Emilia Clarke Anastasia

Emilia Clarke – l’interprete di Daenerys Targaryen nello show Il Trono di Spadeera tra i protagonisti principali della prima sceneggiatura di Iron Man 3 in un ruolo top secret, come abbiamo appreso negli scorsi anni. Ma quella non è stata l’unica volta in cui l’attrice ha perso l’occasione di entrare a far parte di un franchise acclamato in tutto il mondo; anche se in questo caso, è stata lei stessa a rifiutare l’offerta.

Sembra infatti che tra i tanti ruoli che le vennero offerti in seguito al successo della serie HBO, ci fosse anche quello di Anastasia Steele, la protagonista di Cinquanta sfumature di grigio, il primo film tratto dall’omonimo best seller della scrittrice E. L. James. Ma nonostante l’enorme opportunità, lei rifiutò.

La parte – come ormai sappiamo – andò poi a Dakota Johnson, e il motivo per cui Emilia Clarke disse no a Mr. Grey, è che le poche scene senza veli girate per Il Trono di Spade, l’avevano già portata a ricevere parecchi commenti sgraditi. Esperienza che non voleva affatto rivivere una seconda volta.

«Adoro Sam Taylor-Johnson [la regista] e credo che la sua visione fosse fantastica – aveva dichiarato la Clarke – Ma l’ultima volta che mi sono spogliata davanti a una telecamera [per Il Trono di Spade] è stato parecchio tempo fa, e praticamente tutt’ora è l’unica cosa che la gente ricorda e continua a chiedermi, solo perché sono una donna. Ed è davvero irritante, sono così stufa di questa cosa, perché io l’ho fatto per il personaggio, non per farmi guardare le tette da qualche tizio, dannazione».

«Così, quando mi è stato proposto, ho pensato ‘No, non posso’. Ho girato pochissime scene di nudo e già la cosa mi creerà problemi per il resto della vita – proseguiva l’attrice – Quindi all’idea di un universo in cui i temi centrali sono la nudità, la sensualità e il sesso, ho pensato tipo ‘Non entrerò mai volontariamente in una situazione del genere, così da ritrovarmi di nuovo a ripetere di continuo alla gente di non farmi sempre la solita domanda sui miei nudi’».

Vista la sua esperienza quindi, è comprensibile che si sia rifiutata di interpretare Anastasia. Ma è davvero triste che un’attrice debba sentirsi limitata nella scelta dei suoi ruoli, non tanto dalla personale avversità nei confronti delle scene di nudo, ma dal fatto che il pubblico continui a ricordargliele, quasi come se averle girate fosse una specie di colpa o un azzardo.

Voi cosa ne pensate? Vi sarebbe piaciuta nel ruolo?

L’attrice, che ha anche interpretato Qi’ra in Solo: A Star Wars Story, come annunciato in via ufficiale qualche giorno fa si unirà a Samuel L. Jackson, Ben Mendelsohn, Kingsley-Ben Adir e alla new entry Olivia Colman nel cast della serie del MCU Secret Invasion, che farà il suo debutto su Disney+.

Dello show sappiamo solo ciò che proviene dall’omonima serie a fumetti. Per chi non la conoscesse, ricordiamo che nell’arco narrativo in questione gli Skrull sfruttano la loro abilità di mutaforma per invadere silenziosamente la Terra, sostituendosi così agli umani e persino ai supereroi più noti e potenti del pianeta. A guidarli è la loro Regina, la potentissima Veranke, che si infiltra sul nostro pianeta assumendo le sembianze di Jessica Drew alias Spider-Woman.

Dunque, chi potrebbe verosimilmente interpretare Emilia Clarke nella serie? Qui abbiamo affrontato l’argomento.

Fonte: ComicBook

Foto: HBO, MovieStillsDB

© RIPRODUZIONE RISERVATA