Fa sempre effetto sentire un grande del cinema parlare del momento che sta attraversando la Settima Arte. Dustin Hoffman è uno dei simboli di un’epoca e di un modo di recitare che a molti, oggi, sembrano preistoria. Figlio del Metodo, si è ritrovato star assoluta grazie a Il laureato, da cui però è riuscito a non farsi inghiottire rimanendo invischiato in un solo ruolo per tutta la carriera. Che non ha certo bisogno di presentazioni. Per questo è importante non sottovalutare le sue parole.

Recentemente, Hoffman è stato intervistato da The Independent e ha rilasciato alcune dichiarazioni su cinema e tv di oggi. E a suo giudizio, il rapporto tra i due pende nettamente dalla parte di quest’ultima: «La televisione ormai è al top, ha raggiunto una qualità narrativa e registica di altissimo livello. Il cinema invece sta vivendo il suo momento peggiore in assoluto, o almeno dei 50 anni di cui ne faccio parte. A Hollywood non è importante essere bravi, ma a fare soldi».

Parole che non solo riaccendono il duello tra film e serie tv, ma si accodano allcritiche di altri illustri colleghi di Hoffman, come George Lucas, John Landis e David Lynch.

Fonte: Independent

© RIPRODUZIONE RISERVATA